Coni: il 26 luglio l’udienza del Collegio di Garanzia

Il ricorso della Casertana, ultimo atto della giustizia sportiva, sarà discusso lunedì prossimo

Con la costituzione degli avvocati della FIGC, avvenuta nella giornata di ieri, il CONI ha fissato la data dell’udienza sull’ammissione/esclusione dai campionati professionistici. Com’era ormai nelle previsioni, la sessione di udienze della Sezione Collegio di Garanzia sulle controversie in materia di ammissione/esclusione dai campionati professionistici si terrà il prossimo 26 luglio 2021, a partire dalle ore 16.00, presso il Salone d’Onore del CONI.

In tale sessione di udienze, saranno sette i ricorsi su cui l’organo giudicante sarà chiamato a dare il suo parere che determinerà o meno l’iscrizione al campionato delle società, tra cui sei Chievo Verona, avverso l’esclusione dal Campionato di Serie B, Casertana, Carpi, Novara, Paganese, Sambenedettese avverso l’esclusione dal Campionato di Serie C. Il settimo ricorso è quello della Cavese, che ha impugnato la delibera del Consiglio Federale FIGC che ha stabilito criteri e procedure ai fini dell’integrazione dell’organico di Serie C 2021/2022.

Insomma, sarà in questa occasione che l’avvocato Mattia Grassani, legale incaricato dalla società rossoblù, dovrà provare a far prevalere il principio, tanto evocato del legittimo impedimento, della causa di forza maggiore, che ha impedito alla società rossoblù di rispettare la perentorietà del 28 giugno quale termine ultimo per presentare la fidejussione.

Fidejussione, che al momento della presentazione del ricorso, avvenuta lunedì, non ancora di fatto presente nella documentazione presentata dall’avvocato Grassani e che invece, come ha sottolineato il consulente della società rossoblù, Vincenzo Spera, dovrebbe arrivare sabato. È inutile dire che senza quel documento, la corsa alla permanenza in serie C, già difficile e segnata, rischia di essere una montagna impossibile da scalare.

Redazione