Lega Pro: problematiche differenti per le cinque escluse

Dopo il parere della Covisoc le società potranno presentare ricorso entro le ore 19 di martedì prossimo

Carpi, Casertana, Novara, Paganese e Sambenedettese in ordine rigorosamente alfabetico. Sono cinque le società di Lega Pro che, al momento, hanno avuto parere negativo da parte della Covisoc per l’iscrizione al prossimo campionato 2021-2022 di serie C.

Nell’elenco iniziale predisposto c’erano altre società in bilico (i nomi che circolavano erano quelli di Catania e Potenza considerando i club del girone meridionale), ma alla fine la Commissione a limitato a cinque le segnalazioni negative alla Federazione fiorentina. Società che avranno tempo fino alle ore 19 del prossimo martedì 13 luglio per regolarizzare la loro posizione presentando ovviamente ricorso.

In un caso (Carpi) il problema riguarda la rateizzazione dei contributi: la Covisoc richiede la regolarizzazione in quattro rate, mentre gli istituti previdenziali hanno concesso di spalmare gli stessi in dodici mensilità. Un problema, quindi, tecnico ed interpretativo che alla fine potrebbe trovare soluzione positiva.

Questione di natura fiscale, invece, per le altre società: la Paganese, per il momento, ha avuto parere negativo alla procedura di ristrutturazione del debito ed allo stato dei fatti rischia seriamente. Per Novara e Sambenedettese, a quanto pare, le problematiche dovrebbero interessare una compensazione tra un credito tributario vantato dai proprietari del club e ceduto alle società calcistiche per effettuare il pagamento dei contributi previdenziali. Procedura non prevista dalla stessa Covisoc.

Per la Casertana, invece, il nodo principale resta quello della mancata produzione della fidejussione prevista tra le carte inerenti l’iscrizione.

Redazione