Girone C: consigli per gli acquisti

Tanti gli elementi interessanti che ha proposto il raggruppamento, e per molti non è necessario spendere cifre folli

Portieri, difensori, centrocampisti ed attaccanti: senza andare a scomodare nomi di primissimo piano (per andare a prendere quelli è sufficiente avere il… portafoglio gonfio), il girone meridionale di Lega Pro ha offerto nella stagione appena conclusa tanti elementi (volutamente abbiamo escluso quelli della Casertana) che potrebbero essere utili a molte società di serie C. Andiamo con ordine.

Portieri – quattro estremi difensori di differente fascia d’eta. Il primo è Farroni (1997) della Juve Stabia. Dopo due anni di panchina la Reggina, società proprietaria del cartellino, lo ha girato in prestito, e l’ex Matera si è messo subito in evidenza con la casacca gialloblù. Di un anno più giovane (1998) il friulano Marson che la Vibonese ha acquisito la scorsa estate dal Cesena e che ci ha messo poco a scalzare tra i pali il più esperto Mengoni. In cerca di una chance da titolare Vitali (1999), due anni fa titolare con la Viterbese e quest’anno rincalzo di Iannarilli con la Ternana. Infine il 2000 Bisogno: dal ruolo di promessa e numero uno nella Cavese a panchinaro con la Viterbese il passo è stato assolutamente breve. Anche per lui c’è… bisogno di una società che creda nelle sue doti.

Difensori centrali – tra gli elementi di sicuro affidamento il bergamasco Redolfi (1994) che arriva da due buone stagioni con la Vibonese ed è in scadenza. Nell’elenco anche Vona (1996) del Bisceglie e, soprattutto, Matino (1998) della Cavese senza dimenticare Sbampato (1998, Paganese) e Camilleri (1992, della Viterbese ma in prestito dalla Pistoiese). Per quanto riguarda i giovani di prospettiva uno di questi è sicuramente Galeotafiore (2000) quest’anno in prestito dalla Salernitana al Foggia dove ha messo insieme 18 apparizioni ed insieme a lui pure Arena (1999) col Monopoli già da due stagioni e con un ulteriore anno di contratto con la società biancoverde. Tra gli under di spessore anche due classe 1999 di proprietà della Juventus: si tratta di Mulè (Juve Stabia) e Minelli (Bari).

Difensori esterni – due nomi su tutti sulla corsia di destra: sono quelli di Coccia (1993) del Potenza e Viteritti (1994) che si è diviso nel corso della stagione tra Potenza e Monopoli. Il profilo emergente è quello di Baschirotto (1996, Viterbese), mentre un giovane già con tre anni di esperienza nel raggruppamento è Ciotti (1999) della Vibonese. Un under interessante è sicuramente Natalucci (2000) visto all’opera con la maglia della Cavese ma di proprietà della Triestina, mentre ha giocato poco Lia (1997, Juve Stabia) che resta comunque un elemento capace di garantire la necessaria spinta sulla corsia di competenza. Sulla fascia mancina sono piaciuti il danese Urso della Viterbese e Sparandeo (Virtus Francavilla di proprietà del Benevento), entrambi classe 1999. Usato sicuro rappresentato dal francese Giron (1994, Bisceglie) ma da tenere in considerazione anche il comasco Tentardini (1996, Teramo), mentre la scommessa potrebbe essere rappresentata da Ricchi (2000) che quest’anno alla Cavese non ha confermato quanto di buono aveva fatto vedere nel precedente campionato.

Centrali di centrocampo – qualche nome già conosciuto a qualche giovane emergente nel delicato ruolo: nel primo elenco Cittadino (1994) che ha fatto bene col Bisceglie e Piccinni (1987) del Monopoli. Tra gli under, invece, attenzione ad Ambro (1999, Vibonese) e Pompetti (2000, Cavese), quest’ultimo legato ancora da due anni di contratto all’Inter. E’ piaciuto molto il mancino Sandri (2001) ed ha fatto bene il Potenza a blindarlo con un contratto fino al 2024 mentre nell’elenco dei futuribili c’è pure Bonavolontà (2000) della Paganese.

Centrocampisti – in cima alla lista due elementi della Juve Stabia: sono Vallocchia (1997, di proprietà dell’Olbia) e Scaccabarozzi (1994), in passato nel raggruppamento meridionale di Lega Pro anche con la maglia della Vibonese. Elementi già esperti della categoria al pari di Maimone (1994, Bisceglie) e di Coppola (1990) e Zampa (1992) entrambi in forza al Potenza. Per quanto riguarda i giovani sono piaciuti Giannotti (1999, Virtus Francavilla) e soprattutto Vitale (2001), altro elemento girato in prestito dalla Salernitana al Foggia e due anni fa nel campionato di serie D col Sorrento.

Attaccanti esterni – in scadenza di contratto il sammarinese Berardi (1997) da due anni con la maglia della Vibonese e nel ruolo impossibile non fare un pensiero per l’argentino Da Dalt (1987), vera e propria freccia sulle fasce della Turris. Dovrebbe essere finito già nelle attenzioni di club di categoria superiore De Paoli (1999), esploso col Monopoli nella seconda parte della stagione dopo un girone di andata in sordina con la Cavese. Sempre con la maglia biancoverde, ma in procinto di tornare a Pescara per fine prestito, ha fatto bene Bunino (1996), mentre Mungo (1993), dopo una stagione in sordina col Teramo, potrebbe cercare altrove il rilancio. Nel ruolo attenzione anche per Ilari (1991, pure lui con i biancorossi abruzzesi) e Orlando (1996), ennesimo calciatore che la Salernitana, società proprietaria del cartellino, ha dirottato in prestito in Lega Pro e precisamente alla Juve Stabia.

Attaccanti centrali – due i sogni ed entrambi difficilmente avverabili: il primo è l’argentino Ferrante (1995) che con la Ternana, complice un infortunio che lo ha tenuto fuori per gran parte della stagione, ha giocato poco vivendo un campionato da comprimario. Il secondo è Murilo (1995 anche lui) della Viterbese, elemento da gestire dal punto di vista disciplinare ma che è bloccato da un contratto pluriennale che lo lega al club gialloblù. In attesa della definitiva esplosione Soleri (1997, Monopoli ma in prestito dal Padova), talento indiscusso qualche stagione fa nel settore giovanile della Roma. L’elenco comprende anche Ciccone (Virtus Francavilla) e Parigi (Vibonese), tutti e due classe 1996, senza dimenticare Diop (1993) che con dieci reti all’attivo ha tenuto in linea di galleggiamento la Paganese. Qualche indizio tra gli under? Quelli di D’Andrea (1998, Foggia) e Musso (1999, Bisceglie), quasi inutile dirlo entrambi di proprietà, pure questi, della Salernitana.

Nella foto @GiuseppeScialla l’attaccante classe 1999 De Paoli in Monopoli-Casertana di questa stagione al “Veneziani”

Massimo Iannitti