Cuppone, 45esima “tripletta” nella storia dei falchetti

La prima nel 1919 messa a segno da Palladino al Savoia con la maglia della Pro Caserta

Da Giovanni Palladino a Luigi Cuppone: nella storia ultracentenaria della Casertana salgono a 45 le triplette rossoblù realizzate nelle novantuno stagioni disputate dalla formazione di Terra di Lavoro sotto l’egida della Figc.

La prima in assoluto risale alla finale per l’ammissione al campionato di Prima divisione 1919-1920: a realizzarla fu proprio l’attaccante casertano Palladino nel match Pro Caserta-Savoia terminato col risultato di 4-0 per la compagine rossoblù. A seguire tutte le altre a cominciare da quella del cremonese Guido Dossena in Casertana-Puteolana (5-3 il finale) nella stagione di Prima divisione 1925-1926.

Poi ci sono i grandi bomber nella storia della Casertana come Alessandro Torraca: per lui addirittura 4 le triplette messe a segno nel campionato di Prima divisione campana 1940-1941 rispetto alle 2 realizzate da Mario Fusco ed alla singola del veronese Giuseppe Belloni sempre nel corso della stessa stagione.

Con 2 triplette a testa anche altri due forti attaccanti della Casertana tra la fine degli anni Quaranta e l’inizio del decennio successivo: si tratta del genovese Adriano Gè e dell’emiliano Francesco Spaggiari, e sempre nell’immediato dopoguerra da ricordare pure quella del giuliese Domenico Marzi nella gara di esordio della stagione di serie C 1945-1946 (3-1 il finale).

Negli anni Cinquanta 1 tripletta a testa per Antonio Carola (Casertana-Angri 9-0 del 23 aprile 1950), Secondo Rossi (Casertana-Latina 4-0 del 28 ottobre 1951), Antonio Marchiolli (Avellino-Casertana 3-4 del 9 ottobre 1955) e Piero Santin (Casertana-Vigor Nicastro 4-2 del 28 ottobre 1956).

Tra gli anni Cinquanta e quelli Sessanta impossibile non ricordare le 4 triplette di Michelone Savastano: la prima nel campionato di serie D 1956-1957 (Casertana-Nissena 6-1), l’ultima nella stagione 1962-1963 in Casertana-Vigor Nicastro (9-0) dove anche la mezzala Giovanni Lieto mise a segno tre realizzazioni. Nello stesso periodo anche i tre gol del marchigiano Luigi Traini in Casertana-Gladiator (6-1) dell’11 dicembre 1960.

Nella serie C degli anni Sessanta, poi, le tre reti di Gianpaolo Cominato in Casertana-Marsala (5-0) del 5 gennaio 1969 e le due triplette di Marco Fazzi in Casertana-Crotone (4-1) e Casertana-Acireale (3-0). Dopo quella di Bruno Graziani nella stagione di serie C 1972-1973 in Casertana-Potenza (5-0) si arriva direttamente agli anni Ottanta.

Spuntano i nomi di Giampiero Alivernini (Casertana-Barletta 6-2) e Francesco La Rosa (Casertana-Benevento 5-1) nel campionato di C1 1982-1983. Poi un balzo in avanti di qualche stagione e si arriva alla tripletta di Nicola D’Ottavio in Casertana-Brindisi (4-0) disputata sul neutro di Castellammare di Stabia il 4 ottobre 1987.

Le successive 12 triplette tutte nei campionati dilettantistici. Spiccano i nomi di Borislav Cvetkovic (al Francavilla a Mare), Matteo Pastore (Siracusa), Giovanni Ianuale (Mazara), Juan Pablo Suarez (Ercolano e Magna Grecia), Errico Marcucci (Succivo e Cellole), Elio Siano (Valle Grecanica), Rosario Majella (al Fittipaldi di Francavilla in Sinni) e quelle relative alla stagione di serie D 2012-2013 messe a segno da Roberto Palumbo (Selargius e Portotorres) e Gennaro Esposito (nei play-off contro l’Ostiamare).

Prima di Cuppone nella gara di ieri con la Virtus Francavilla l’ultima tripletta l’aveva realizzata la scorsa stagione di Lega Pro Luigi Castaldo in Casertana-Rieti terminata col risultato di 6-1 per la formazione rossoblù all’epoca guidata in panchina da Ginestra.

Poi ci sarebbero anche i poker di gol realizzati da un calciatore della Casertana nel corso di un singolo incontro: sono 9 in tutto e ne parleremo in un prossimo articolo.

Nella foto @GiuseppeScialla l’esultanza di Cuppone dopo la prima rete siglata alla Virtus Francavilla: ne arriveranno altre due da parte sua

Massimo Iannitti