Virtus Francavilla: momento-no e tante assenze per la gara di Caserta

Cinque gare senza vittorie per la compagine biancoazzurra guidata in panchina da Trocini

E’ un periodo-no, ma sapremo rifarci“. Così Bruno Trocini dopo la sconfitta interna nel derby col Monopoli di sabato pomeriggio della sua Virtus Francavilla, avversaria della Casertana al Pinto nel turno infrasettimanale di mercoledì.

Giusto un mese fa l’ultimo successo sul terreno di gioco della Vibonese. Da quella partita due pareggi e tre sconfitte che hanno fatto nuovamente scendere in graduatoria la compagine biancoazzurra. A complicare la marcia virtussina sicuramente la lunga serie di infortuni che hanno ridotto ai minimi termini l’organico a disposizione dell’allenatore cosentino.

Out da tempo Puntoriere (maglia numero 26, classe 1998) e stesso discorso per il giovane Ekuban (20, 2000) alle prese con un problema al ginocchio che lo terrà fuori fino al termine della stagione. Ma la sfortuna che sembra essersi accanita nei confronti del reparto offensivo della Virtus Francavilla ha colpito anche negli ultimi tempi: frattura scomposta allo zigomo per Vazquez (9, 1993) e frattura al metatarso del piede per Ciccone (29, 1996). Il tutto senza dimenticare la più che probabile indisponibilità del difensore Delvino (15, 1998, colpito duro nella gara interna con la Paganese), quella in mediana di Franco (16, 1992) e la squalifica rimediata da Caporale (17, 1995) per cumulo di ammonizioni che priverà Trocini di uno dei difensori più affidabili di tutto il girone meridionale di Lega Pro.

Scelte obbligate o quasi, quindi, sia per quanto riguarda il terzetto difensivo che relativamente al fronte d’attacco, quindi, per l’allenatore biancoazzurro nel suo tre-cinque-due. Tra i pali da sette partite c’è Costa (22, 1998) preferito all’ex rossoblù Crispino (1, 1994) che la scorsa estate si è legato ad un contratto biennale al club pugliese. Nel ruolo di terzo estremo difensore Negro (30, 2005), il più giovane elemento schierato almeno in panchina in tutto il girone meridionale di Lega Pro.

Posizione centrale in difesa per Pambianchi (3, 1989): per l’ex Rende la stagione del rilancio dopo i problemi fisici che hanno condizionato gli ultimi due campionati vissuti tra Catanzaro e Virtus Francavilla. Elemento dotato di grande fisicità ma che soffre la velocità degli attaccanti avversari. Al suo fianco dovrebbe giostrare a destra il giovane Calcagno (25, 2000), mentre punto interrogativo per la zona mancina. Al Pinto potrebbe essere la volta di Celli (5, 1997) a meno che Trocini non voglia puntare sul rientro di Marino (18, 1988), tornato recentemente nel novero dei disponibili dopo un infortunio che lo ha tenuto fuori per tutta la prima parte della stagione. Under l’alternativa rappresentata da Sarcinella (2, 2002) da due anni in forza alla Virtus Francavilla senza mai scendere in campo, ma che nella stagione 2018-2019 fece il suo esordio in Lega Pro col Matera dei giovani messi in campo dalla società lucana per evitare l’esclusione dal campionato comunque arrivata nel girone di ritorno.

In mediana le maggiori alternative. Contro la Casertana tornerà nell’elenco dei convocati anche il trequartista Mastropietro (11, 1999), al rientro dopo un turno di stop disciplinare. Difficile, però, che Trocini punti sul gioiellino biancoazzurro almeno nella formazione di partenza. A dettare i tempi della mediana Zenuni (4, 1997) mentre a completare il reparto Castorani (6, 1999), vera e propria rivelazione nella stagione virtussina ed autore di sei realizzazioni, e l’altro under Tchetchoua (23, 2000). Nell’elenco dei convocati dovrebbero esserci anche Carella (8, 2001) insieme a Magnavita (28, 2002), elemento della Primavera già da qualche settimana stabilmente aggregato alla prima squadra biancoazzurra.

Quattro elementi per le due maglie di esterno a centrocampo. A destra Giannotti (7, 1999) e Di Cosmo (27, 1998), mentre sulla fascia opposta potrebbe rivedersi Sparandeo (19, 1999), in gol contro la Casertana nella partita di andata, al posto di Nunzella (21, 1992). Pronto all’occorrenza anche Dacosta (14, 2002), esterno d’attacco scuola Juventus arrivato a Francavilla dopo una esperienza nel settore giovanile del Lecce.

In avanti nel ruolo di seconda punta Maiorino (10, 1989) tornato a vestire dopo oltre dieci anni la casacca biancoazzurra. Piccola curiosità: era in campo contro la Casertana nella sfida di Coppa Italia di Eccellenza nella stagione 2006-2007 quando i falchetti di Sorianiello si imposero sul terreno di gioco di Francavilla Fontana col risultato di 2-1 con le realizzazioni di Carotenuto e Marcucci, intervallate dal momentaneo pareggio di Chietti su calcio di rigore. Attaccante centrale il giovane Adorante (31, 2000) giunto a gennaio in prestito dal Parma. Di scorta l’altro under Miccoli (13, 2001) tornato anche lui alla Virtus Francavilla dopo l’esperienza in prestito nella massima serie albanese con la Dinamo Tirana ed in gol sabato scorso contro il Monopoli nella sua gara d’esordio stagionale.

Nella foto @GiuseppeScialla il centrocampista virtussino Franco nella gara di andata con la Casertana disputata a Francavilla Fontana. Probabile il suo “forfait” per la partita in calendario domani al “Pinto”

Massimo Iannitti