Casertana: “buco” in difesa, si può ricorrere agli svincolati?

Dodici giornate alla fine del campionato: l’infortunio di Konate potrebbe portare la società rossoblù a tornare sul mercato

L’impressione di fondo percepita domenica sera nella gara con l’Avellino è stata confermata: “lesione del legamento crociato anteriore e lesione del corno posteriore del menisco mediale, con presenza di versamento articolare” per Konate. Considerando che la stagione di Lega Pro si chiude giusto tra due mesi (il 25 aprile è in calendario l’ultima giornata con la sfida interna con la Paganese) il campionato del difensore centrale ivoriano può considerarsi concluso in anticipo con diciassette presenze all’attivo ed una rete siglata nella trasferta di Terni.

Problema importante per la formazione di Guidi a cui viene a crearsi per le dodici giornate che mancano alla fine della stagione un vero e proprio buco nel pacchetto dei centrali difensivi che ora può contare solo su Carillo e Buschiazzo oltre che sul giovanissimo Ciriello, peraltro da qualche settimana ai box per infortunio (l’ultima presenza risale allo scorso dicembre in occasione della gara interna con la Viterbese, ma è tornato ieri ad allenarsi col resto del gruppo) e su Polito, adattabile nel ruolo di centrale come già proposto lo scorso anno a Cava de’ Tirreni. Non senza dimenticare che proprio l’uruguayano è in diffida ed al prossimo giallo scatterà un ulteriore turno di squalifica che si aggiungerà alle altre cinque giornate già rimediate per rosso diretto.

Una serie di considerazioni che potrebbero portare la società rossoblù a ricorrere sul mercato degli svincolati il cui termine per il tesseramento varia a seconda del periodo di svincolo dalle precedenti società: per i calciatori che hanno rescisso il loro accordo entro il termine di chiusura della campagna di trasferimenti dello scorso 1 febbraio la data è quella di oggi 25 febbraio. Per i calciatori professionisti senza contratto da periodo antecedente il termine è quello del prossimo 31 marzo (scadenza praticamente inutile considerando che il campionato termina il 25 aprile).

Ma ci sarebbe da risolvere anche un problema di lista dei 24 calciatori divenuta definitiva dopo la chiusura dell’ultima campagna trasferimenti. Lista della Casertana al momento piena (non ci sono slot liberi), ma che prevede un escamotage da utilizzare per una singola volta nell’intera stagione. “Le società possono eccezionalmente effettuare, nell’arco dell’intera stagione sportiva, una sola sostituzione di un calciatore inserito in lista depositata con un altro calciatore, anche al di fuori dei periodi di campagna trasferimenti“. Opportunità che la Casertana, ricordando i 32 elementi utilizzati ed i periodi di tesseramento, non dovrebbe (condizionale d’obbligo) aver utilizzato in occasione dell’infortunio di Matarese e del successivo ingaggio di Pacilli.

Ma i guai per la formazione del tecnico Guidi non finiscono qua. Terapie per Del Grosso (infortunio rimediato a Catanzaro) ed anche per Castaldo (infiammazione al ginocchio, out dalla gara interna col Potenza di inizio febbraio). Con ogni probabilità entrambi salteranno anche la partita di sabato a Torre del Greco.

Stesso discorso anche per Icardi (squalificato per cumulo di ammonizioni) ed Izzillo. Il centrocampista di origine sarda è alle prese con un problema muscolare (probabile stiramento per lui) occorsogli nelle battute iniziali della gara con l’Avellino. Salterà la trasferta al Liguori, ma la sua presenza appare in forte dubbio anche per i successivi impegni ravvicinati con Virtus Francavilla (mercoledì prossimo) e Vibonese (domenica 7 marzo). Punto interrogativo sui tempi di rientro, infine, su Bordin, assente dalla gara col Palermo.

Nella foto @GiuseppeScialla il terzino Del Grosso infortunatosi nella gara esterna di Catanzaro

Massimo Iannitti