Casertana-Teramo: due ex con destini incrociati

Per gli abruzzesi il teramano Bucciarelli; negli anni Sessanta l’esperienza del casertano Savastano in maglia biancorossa

In attesa di Casertana-Teramo sono due i nomi che idealmente uniscono le squadre che domenica prossima alle 17,30 si affronteranno sul terreno di gioco del Pinto.

Il più recente in ordine di tempo è quello di Fabio Bucciarelli, teramano doc, centrocampista mancino classe 1965 nell’organico della Casertana che nella stagione 1990-1991 conquistò la sua seconda storica promozione nella categoria cadetta. Per lui saranno quattordici le presenze complessive in maglia rossoblù tra campionato e Coppa Italia. Bottino piccolo rispetto alle oltre cento gare disputate con la casacca biancorossa dove aveva iniziato la carriera.

Insieme a Bucciarelli anche il nome di Michele Savastano, attaccante casertano protagonista in maglia rossoblù negli anni Cinquanta e Sessanta con oltre novanta gol all’attivo in più di duecento gare con i falchetti. Nell’estate 1960 il Parma staccò un assegno di tre milioni per acquistarlo dalla Casertana, ma la sua esperienza nella categoria cadetta con i ducali ebbe durata solo di pochi mesi. A dicembre dello stesso anno il passaggio al Teramo nel campionato di serie D 1960-1961 dove in diciotto gare disputate riuscì a timbrare il cartellino dei marcatori in cinque. Poi alla fine della stagione il ritorno a Caserta nell’operazione che portò a vestire la casacca biancorossa il giovane attaccante partenopeo Capitelli.

Nella foto Michele Savastano con la maglia della Casertana nella stagione 1962-1963 che si concluderà con la promozione dei falchetti in serie C

Redazione

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: