Ternana schiacciatutto: manita alla Casertana

La buona partenza dei falchetti vanificata da un terrificante uno-due rossoverde. Konate prova a riaprirla, ma ad inizio ripresa la squadra di Lucarelli chiude il conto con largo anticipo. Nel finale anche il quinto gol siglato da Peralta

TERNANA – CASERTANA 5-1

Ternana (4-2-3-1): Iannarilli; Laverone, Boben, Kontek, Frascatore (Mammarella 78′); Proietti (Paghera 71′), Palumbo (Salzano 46′); Partipilo, Falletti (Peralta 62′), Furlan; Raicevic (Ferrante 71′). A disp. Vitali, Russo, Suagher, Damian, Vantaggiato, Torromino, Onesti. All. Lucarelli

Casertana (4-3-3): Avella; Polito, Konate, Carillo, Del Grosso (Rillo 62′); Icardi (Matese 62′), Santoro, Izzillo; Rosso (Longo 78′), Cuppone (Matos 62′), Turchetta (Pacilli 62′). A disp. Dekic, Zivkovic, Hadziosmanovic, De Lucia, Varesanovic, Matese, De Sarlo. All. Guidi

Arbitro: Pashuku di Albano Laziale

Reti: Furlan (T) 27′, Partipilo (T) 30′, Konate (C) 46′ pt, Partipilo (T) 48′, Raicevic (T) 58′, Peralta (T) 83′

Ammoniti: Palumbo (T, 32′); Santoro (C, 26′)

TERNI – Chi si aspettava il miracolo è rimasto deluso. Troppo ghiotta per la Ternana l’occasione per allungare ulteriormente in classifica dopo la sconfitta di ieri del Bari. Troppo importante la gara con i falchetti per dimostrare, qualora ce ne fosse bisogno, chi è la protagonista del raggruppamento. Troppa… Ternana per una Casertana che ha provato, almeno per un tempo, a tenere testa alla prima ed indiscussa della classe.

Primo quarto d’ora giocato splendidamente dalla Casertana che tiene lontano dall’area di rigore rossoblù la capolista. Poi in rapida successione l’uno-due umbro con la Ternana che approfitta di un momento di sbandamento dei calciatori di Guidi. Qualche secondo prima dell’intervallo Konate riaccende le speranze per la formazione rossoblù. Ad inizio ripresa, però, la terza rete dei padroni di casa ed a seguire anche la quarta che chiude, qualora ce ne fosse bisogno, l’incontro con larghissimo anticipo. Solo per le statistiche il quinto gol rossoverde.

Per quanto riguarda le formazioni di partenza una assenza di rilievo per parte. Nella compagine di casa manca Defendi, con il capitano delle Fere costretto a saltare il match dopo l’infortunio patito mercoledì scorso a Palermo. Discorso simile in casa rossoblù con Castaldo fuori dai giochi. All’appello assente anche Buschiazzo che sconta il secondo ed ultimo turno di stop disciplinare dopo il rosso di Foggia. Nella Casertana la novità è rappresentata da Polito che prende il posto di Hadziosmanovic, mentre la Ternana cambia entrambi gli esterni difensivi con gli inserimenti di Laverone e Frascatore.

Primo tempo – prima conclusione a rete dell’incontro è per la Ternana con Partipilo: sinistro un po’ masticato e per Avella non ci sono grossi problemi (2′). Poi è la Casertana a tenere il pallino del gioco grazie ad un pressing molto alto e rapide verticalizzazioni: al 7′ si incunea in area Santoro in posizione defilata sulla destra. Traversone al centro per la testa di Turchetta, ma il pallone è alto. Ancora rossoblù qualche secondo dopo a seguito di un lungo rinvio di Konate che si rivela un lancio preciso per Turchetta: assistenza al limite per Izzillo, ma il suo piattone di sinistro sfiora soltanto l’incrocio alla sinistra di Iannarilli (8′). Larga, invece, la conclusione mancina di Del Grosso dalla lunga distanza sugli sviluppi di un calcio piazzato conquistato da Polito (14′). La replica della Ternana arriva solo al 17′: schema su punizione che consente a Partipilo la deviazione da sotto misura. Contrato e di conseguenza morbido il tiro con Avella che blocca a terra. Più pericoloso sempre su punizione Santoro al 20′, ma la conclusione viene respinta da Iannarilli prima che la difesa rossoverde allontani in angolo. Alla prima fiammata, però, passa la Ternana (27′): Raicevic addomestica un pallone al limite in posizione centrale ed appoggia indietro per la staffilata di Falletti. Avella respinge sulla botta del trequartista uruguayano, ma sulla ribattuta è Furlan a ribadire in fondo al sacco. Neanche il replay riesce a decifrare la posizione regolare o meno dell’attaccante rossoverde che potrebbe essere tenuto in gioco da Polito. La partita sembra mettersi definitivamente in discesa per la Ternana a distanza di qualche minuto: traversone lungo di Frascatore dalla sinistra che viene controllato da Partipilo. Il mancino si accentra e conclude sul primo palo infilando l’angolo alla sinistra di Avella (30′). La Ternana insiste ed arriva sfiorare il terzo gol con Kontek che di testa da ottima posizione manda alto un cross dalla destra di Laverone (41′). Sul ribaltamento di fronte è Cuppone a sprecare una precisa assistenza di Rosso calciando da ottima posizione sopra il montante della porta difesa da Iannarilli (42′). Al primo dei due minuti di recupero concessi dal direttore di gara la Casertana accorcia le distanze: angolo di Santoro sul quale Iannarilli resta a guardare. Lavoro sporco di Cuppone nell’area piccola e colpo di testa vincente di Konate sul palo lontano (46′ pt). Subito dopo le due squadre vanno negli spogliatoi.

Secondo tempo – ad inizio ripresa subito un cambio per i padroni di casa con Salzano che prende il posto di Palumbo (ammonito, salterà la prossima gara col Potenza). Neanche il tempo di assestarsi in mezzo al campo e la Ternana trova nuovamente il gol: Izzillo perde palla nella metà campo locale e parte velocemente il contropiede rossoverde. Buon lavoro di Falletti che al limite appoggia sulla destra per l’accorrente Partipilo. Sinistro di prima intenzione e palla all’incrocio alla destra di Avella (48′). Il poker giunge dieci minuti dopo: servizio filtrante in area di rigore di Partipilo. Konate si perde Raicevic ed il tocco morbido dell’attaccante supera nuovamente Avella (58′). Quando manca poco meno di mezz’ora alla fine Guidi capisce che la partita è ormai finita e decide di far rifiatare mezza squadra o quasi: dentro, quindi, Rillo, Matese, Pacilli e l’esordiente Matos (62′). Ed è proprio il portoghese a spaventare Iannarilli con una gran conclusione dal limite che finisce fuori di pochissimo (65′). Qualche secondo dopo Avella è costretto alla difficile respinta su Laverone, ben servito da uno scatenato Partipilo (66′). Sembra poter bastare così ma all’83′ c’è gloria anche per Peralta servito dal solito Partipilo dopo una sanguinosa palla persa a centrocampo da Matese. Si arriva fino al 92′ a causa di due, inutili minuti di recupero. La manita è servita.

Nella foto @GiuseppeScialla Palumbo contrastato da Icardi in Ternana-Casertana

Giovanni Fiorentino