Girone C: tanti nomi importanti sul mercato in uscita

Ma anche contratti onerosi di cui sbarazzarsi. Il rischio è quello di finire fuori lista

Da oggetti del desiderio a calciatori da liberarsi in fretta e furia il passo è breve. Ma succede anche questo nel mercato di riparazione di gennaio che chiuderà i battenti ad inizio febbraio. Elementi magari in sovrannumero e rischiano di finire fuori lista: il tutto in attesa di trovare una sistemazione gradita.

L’elenco è lungo e comprende molti calciatori per i quali un paio di stagioni fa alcuni club avrebbero fatto carte false pur di accaparrarseli. A Catanzaro, solo per fare il primo esempio, è in uscita Di Piazza arrivato giusto un anno fa dal Catania. L’attaccante classe 1988 non ha reso rispetto a quanto atteso (due reti nel campionato in corso, una nella breve seconda parte della scorsa stagione) e la società calabrese pare disposta ad accollarsi anche una parte dell’ingaggio pur di sistemarlo altrove. Sempre a Catanzaro potrebbe andare via anche Pinna: il mancino ex Casertana nelle ultime due gare è scivolato in panchina ed a questo punto potrebbe anche lui cercare spazio altrove considerando un contratto in scadenza il prossimo mese di giugno.

Proprio a Catania da risolvere il problema legato al nome di Mazzarani: il centrocampista del 1989, da fuori lista, è a libro-paga della società etnea e nel campionato in corso non ha collezionato neanche un minuto. Naturale che il club rossazzurro voglia piazzarlo altrove, ma finora non si è trovata una società intenzionata a subentrare in un contratto comunque impegnativo.

Qualche elemento da piazzare anche per quanto riguarda il Bari: al centrocampista Hamlili (piace alla Viterbese, ma l’affare stenta a concludersi e potrebbe essere definitivamente tramontato) si è aggiunto anche l’attaccante Montalto. Per lui quattro reti in 418′ di campionato: alla fine dovrebbe finire in serie B considerato che ha ancora molti estimatori nel campionato cadetto.

Si punta a sfoltire l’organico anche in casa Cavese: reparto d’attacco che pare decisamente affollato dopo gli ultimi arrivi. Vicinissimo all’addio Germinale, con l’attaccante classe 1987 che ha ancora molti estimatori nel girone settentrionale di Lega Pro, ma pure l’esperto centrocampista Favasuli che sembra fuori dalle idee tattiche di Campilongo. Non dovrebbero essere i soli considerando anche un folto gruppo di under che non stanno trovando più minutaggio in campionato.

Ad Avellino in uscita il portiere Leoni (1998, era stato preso in occasione dell’infortunio di Forte) ed i centrocampisti Silvestri e Bruzzo, ma potrebbe lasciare anche il difensore Dossena in panchina per scelta tecnica nelle ultime tre uscite. Titoli di coda, invece, per l’avventura di Sandomenico alla Turris, da tempo ai margini del progetto tecnico di Fabiano. L’attaccante esterno classe 1990 proseguirà in Campania dopo le esperienze della scorsa stagione con Cavese prima ed Avellino poi. Per lui si è fatta avanti la Nocerina. Discorso simile anche per Floriano del Palermo: il trequartista del 1986 è reduce da due campionati di serie D vinti con Bari e rosanero. Facile che possa trovare estimatori in società ambiziose del torneo Interregionale.

Nella foto @GiuseppeScialla l’attaccante Di Piazza nella stagione 2017-2018 in occasione di Lecce-Casertana

Redazione