Tocca ferro la Casertana a Teramo

Nelle sette precedenti occasioni la formazione rossoblù ha conquistato solo un pareggio

Domenica prossima Casertana di scena al Bonolis di Teramo (fischio d’inizio alle 17,30). Compito dei falchetti quello di sfatare un vero e proprio tabù che riguarda la trasferta abruzzese.

Nelle sette precedenti occasioni solo in una circostanza la formazione rossoblù è riuscita a tornare a casa con un risultato positivo. Era la stagione di Seconda divisione 2013-2014 quando la compagine guidata in panchina da Ugolotti riuscì ad uscire indenne dal terreno di gioco biancorosso col risultato di 0-0. Il tutto nonostante l’inferiorità numerica maturata all’inizio del secondo tempo per l’espulsione di Rinaldi.

Per il resto solo sconfitte per la Casertana cominciando proprio dalla scorsa stagione 2019-2020 (4-3 per la formazione di Tedino su quella di Ginestra) e considerando anche il 2-1 nell’edizione 2015-2016 della Coppa Italia di serie C con conseguente eliminazione dei falchetti agli ottavi di finale.

Nel campionato di C2 1996-1997 al Teramo fu sufficiente un rigore di Terzaroli nel corso del primo tempo per imporsi sulla Casertana di Orlandi (1-0 il finale), mentre stesso risultato di 2-1 per gli abruzzesi sia nella C1 1986-1987 che in quella 1987-1988 (reti rossoblù siglate rispettivamente da Bonaldi nella prima occasione e Troise nella seconda).

Il primo precedente tra Teramo e Casertana risale al campionato di serie C 1959-1960. Il 20 marzo 1960 le due squadre si trovarono di fronte per la disputa della ventitreesima giornata: vittoria dei biancorossi locali per 1-0 con la rete decisiva di Maselli a poco meno di un quarto d’ora dallo scadere. Risultato che non fu sufficiente al Teramo per evitare la retrocessione in serie D; stessa sorte anche per la Casertana che terminò la stagione ad una sola lunghezza dalla zona salvezza.

Nella foto @GiuseppeScialla i due capitani con l’arbitro Angelucci di Foligno all’inizio di Teramo-Casertana della passata stagione

Redazione