Minutaggio under: comanda sempre la Cavese

Tante le società che punteranno anche quest’anno alle risorse messe a disposizione dalla Lega Pro

Prima giornata di campionato “monca”. All’appello mancano tre partite: insieme a Trapani-Casertana pure Avellino-Turris, sospesa dopo 10′ di gioco per impraticabilità di campo, ma anche… l’incognita X-Y.

Eppure già dal primo turno della stagione 2020-2021 è possibile comprendere chi tra le società del girone meridionale di Lega Pro punterà al “minutaggio” e chi no. Quota minima 271′ (massima 450′) da raggiungere per poter usufruire delle risorse derivanti dalla commercializzazione dei diritti da destinare esclusivamente allo sviluppo dei settori giovanili delle società.

Chi anche quest’anno non punterà a tali fondi è sicuramente il Bari che non ha impiegato nella prima partita neppure un “under” nato dal 1998 in poi. Stesso discorso anche per la Ternana che nella gara interna con la Viterbese ha utilizzato il 2002 Onesti per appena 17′ di gioco.

Qualche minuto in più, ma non sufficiente per raggiungere “quota 271”, per altre cinque società a cominciare dal Catania (135′) e continuando in ordine rigorosamente alfabetico con Catanzaro (86′), Juve Stabia (140′), Palermo (161′) e Teramo (183′).

Chi è rientrata, invece, con un calcolo al… minuto è stata la Vibonese (273′) grazie anche a due sostituzioni operate nelle battute finali dell’incontro, ma di poco superiore alla “quota minima” anche il Monopoli (301′), una delle società che per la stagione in corso punta anche su un portiere “under” classe 2001.

Proseguono il percorso anche Virtus Francavilla (355′) e Viterbese (360′), mentre strategia cambiata rispetto alla passata stagione per il Potenza (371′) che ha messo in campo sin dal primo minuto due elementi del 2002. Tra i pali il giovane estremo difensore Brescia, mentre in avanti l’attaccante prodotto del vivaio lucano Volpe che è andato anche a segno contro il Catanzaro.

In due a far la parte del “leone” ed addirittura a sforare la “quota massima” di 450′. Sul podio la Paganese (561′), ma il gradino più alto della classifica resta saldamente nelle mani della Cavese con 614′ considerando che nella partita con la Vibonese sono andati in campo, tra gli altri, ben cinque calciatori classe 2000 ed un 2001.

Giovanni Fiorentino