Roccapiemonte in ricordo di Catello Mari

mar

Inaugurata un’area sportiva dedicata al compianto ex falchetto alla presenza di tante delegazioni di società. Assente, però, la Casertana

Una cerimonia, breve ma intensa, toccante e ricca di significato. Nella giornata di ieri a in località Starza di Roccapiemonte, in provincia di Salerno, l’amministrazione comunale, dopo averlo deliberato lo scorso 16 maggio, ha inaugurato l’area sportiva dedicata a Catello Mari, indimenticato ex calciatore rossoblù.

mari 2
Foto tratta da IlPortico.it

Un’area destinata ad essere il cuore delle attività sportive-ludiche giovanili, intitolata alla memoria di un giovane prematuramente scomparso, il 15 aprile 2006, a 28 anni. La data dell’evento, fatto non casuale, il 5 luglio, proprio nel giorno del suo compleanno, ha visto la partecipazione di familiari, amici, compagni di squadra, tecnici, delegazioni di società calcistiche e soprattutto dei giovani che proprio in Catello avevano intravisto un modello, di tenacia, da seguire. Dopo i saluti istituzionali del Sindaco Carmine Pagano e dell’Assessore con delega allo sport Roberto Fabbricatore, le parole del papà di Catello, Giuseppe, e quelle di Sasà Campilongo, suo mentore alla Cavese, con cui fece il doppio salto serie D-C1, hanno commosso e non poco i presenti. Aneddoti e curiosità hanno accompagnato una serata prima del fatidico taglio del nastro.

Presente una folta delegazione della Cavese, telegrammi di compiacimento per la manifestazione da parte di Salernitana, Nocerina, Paganese e Juve Stabia. Assente, nonostante il suo nome comparisse sulle locandine (evento dunque concordato), l’attesa delegazione della Casertana. Sconosciute le motivazioni che hanno spinto la società rossoblù a disertare l’appuntamento. In ogni caso un’altra occasione persa, anche se a conti fatti non fa più nemmeno notizia.

Redazione