Casertana, solo un pari contro il Rende

dangelo bis
L’esultanza di D’Angelo dopo la prima realizzazione al Rende (Foto Giuseppe Scialla)

I rossoblù regalano due reti ai calabresi: poi ci pensa D’Angelo. Finisce 2-2

RENDE – CASERTANA 2-2

Rende (4-3-3): Savelloni; Ampollini, Nossa, Bruno, Origlio; Cipolla (Collocolo 61′), Scimia, Murati; Morselli (Fornito 71′), Rossini (Vivacqua 71′), Giannotti (Ndiaye 81′). A disp. Palermo, Borsellini, Godano, Germinio, Blaze, Coly. All. Tricarico

Casertana (3-5-2): Cerofolini; Clemente, Rainone, Caldore; Longo, D’Angelo, Santoro, Varesanovic (Paparusso 68′), Zito (Floro Flores 79′); Starita (Origlia 89′), Castaldo. A disp. Crispino, Zivkovic, Gonzalez, Cavallini, Zivkov, Ciriello, Matese, De Vivo, Ciardulli. All. Ginestra

Arbitro: Pashuku di Albano Laziale

Reti: Giannotti (R) 12′, D’Angelo (C) 26′, Morselli (R) 33′ su rigore, D’Angelo (C) 48′

Ammoniti: Murati (R) 38′, Ampollini (R) 54′, Rossini (R) 63′, Paparusso (C) 78′

 

COSENZA – Al “San Vito” finisce in pareggio tra Rende e Casertana. Primo tempo piacevole, ma caratterizzato soprattutto dai tanti errori delle due difese. Le due reti biancorosse arrivano da altrettante indecisioni di Caldore (in fase di impostazione) e Clemente (che causa il rigore), mentre la realizzazione della compagine rossoblù è frutto di una disattenzione complessiva della retroguardia calabrese. In mezzo anche una occasionissima per Castaldo (superlativo Savelloni nella circostanza) e due reti annullate ai falchetti con delle decisioni arbitrali condivisibili senza dimenticare l’opportunità neutralizzata da Cerofolini su Morselli in pieno recupero. Secondo tempo a “scartamento” decisamente più ridotto rispetto alla prima frazione di gioco: la Casertana impatta immediatamente, prova a chiudere nella sua metà campo il Rende, ma stenta a creare occasioni da gol ed alla fine deve accontentarsi di un punto contro una avversaria che, almeno classifica alla mano, sembrava alla portata di capitan Rainone e compagni.

Per quanto riguarda le formazioni nella Casertana dentro sin dal primo minuto Cerofolini con Crispino che “scivola” in panchina. Per il resto è un “3-5-2” che prevede Clemente nel terzetto difensivo insieme a Rainone e Caldore (“out” per infortunio Silva) con in avanti la coppia Starita-Castaldo. Il Rende risponde con un “4-3-3”: Vivacqua non figura tra i titolari ed è in panchina insieme all’ultimo arrivato Fornito. Per entrambi ci sarà spazio nella ripresa.

Primo tempo Al 4′ subito una buona opportunità per la Casertana: Varesanovic imbecca sulla sinistra Zito il cui traversone al centro è per Starita, col colpo di testa contrato in angolo. Sul successivo tiro dalla bandierina gol annullato alla Casertana. Zito batte in fretta e furia il corner mentre un secondo pallone staziona in piena area di rigore. La deviazione vincente di D’Angelo su cross di Varesanovic non viene convalidata dal direttore di gara che fa ripetere, stavolta infruttuosamente, il tiro dalla bandierina. La risposta del Rende all’8′: Morselli dalla destra prova un tiro-cross che passa vicinissimo l’incrocio dei pali prima di terminare sul fondo. Ma a distanza di qualche secondo è la Casertana ad andare vicinissima al vantaggio: azione prolungata di Zito sulla sinistra ed assist perfetto dalla linea di fondo per Castaldo. Il “piattone” tra il limite dell’area piccola ed il dischetto del rigore è praticamente a colpo sicuro, ma Savelloni compie un vero e proprio “miracolo” respingendo la conclusione destinata in fondo al sacco. L’azione prosegue ed arriva alla conclusione Santoro dai sedici metri che trova ancora attento l’estremo difensore calabrese (10′). Poi la “frittata” difensiva rossoblù al 12′ che consente al Rende di passare, a sorpresa, in vantaggio. Caldore perde palla in fase di impostazione sulla propria trequarti: Rossini innesca sulla sinistra Giannotti che, dopo un dribbling ai danni di Clemente, supera Cerofolini con una conclusione nell’angolo opposto che il portiere toscano riesce soltanto a sfiorare. La Casertana non si scompone e continua ad insistere sulla corsia mancina dove Zito “imperversa” e sembra avere vita facile contro un Ampollini che non riesce a trovare le misure per fermarlo: altro traversone in area di rigore ma Longo ci arriva in maniera “scomposta” e la palla si alza sulla traversa (13′). Passa ancora qualche minuto e Castaldo si conquista un calcio di punizione nella lunetta dell’area dopo un intervento scomposto di Nossa (21′). Il tentativo è di Varesanovic, ma la sfera si alza, sia pure non di molto, sul montante della porta difesa da Savelloni. Altri tre minuti (24′) e c’è un’altra rete annullata alla Casertana: su punizione di Zito sul palo lontano arriva la conclusione vincente di Castaldo, ma l’arbitro non convalida per presunto fallo di Rainone ai danni di un avversario al momento dello “stacco” su Bruno. Il pareggio della squadra rossoblù, però, è rimandato solo di qualche secondo. La retroguardia biancorossa ci mette molto del “suo” con un paio di evidenti disattenzioni in piena area di rigore che consentono a Longo di recuperare un pallone proprio in prossimità della linea di fondo. Passaggio in mezzo a pelo d’erba per D’Angelo e deviazione vincente con Savelloni che si vede sfilare il pallone tra le gambe senza poterlo intercettare (26′). Poi altra “sciocchezza” della retroguardia casertana: Clemente poco dentro l’area di rigore scalcia in maniera evidente Morselli dopo che l’attaccante biancorosso lo ha anticipato di netto. Giusta la massima punizione che lo stesso Morselli mette alle spalle di Cerofolini (33′). La Casertana, stavolta, non riesce a reagire immediatamente e sembra subire il “colpo” di un Rende che, invece, trova coraggio. Dopo un minuto di recupero le due squadre vanno negli spogliatoi, non prima di una ribattuta decisiva di Cerfolini su Morselli ben servito in piena area di rigore da Giannotti (46′ pt).

Secondo tempo Nessun cambio ad inizio ripresa da parte dei due tecnici. La Casertana riesce ad impattare dopo appena due minuti (48′): Varesanovic filtrante verso Castaldo e da questi di tacco in piena area a D’Angelo. Gran sinistro che si infila alle spalle di Savelloni ed è di nuovo pareggio. Il Rende replica al 53′ con Rossini: bella la “spaccata” del capitano biancorosso su traversone dalla destra, ma il pallone è fuori bersaglio. Subito dopo opportunità per la Casertana su calcio di punizione successivo a fallo di mano di Ampollini in prossimità dell’area di rigore. Prima Zito e poi Varesanovic, però, non sfruttano l’occasione (55′). La formazione rossoblù nuovamente in avanti al 59′, ma il colpo di testa di Castaldo trova in posizione di fuorigioco (corretta la segnalazione) sia Starita che D’Angelo appostati entrambi al limite dell’area piccola. Poi tocca a Zito su calcio di punizione, toccato da Santoro, con Savelloni costretto in angolo non senza difficoltà (67′). Un minuto dopo primo cambio per la Casertana con Paparusso che prende il posto di un Varesanovic comunque positivo: sostituzione che consente a Zito di spostarsi nel ruolo di mezzala. Ad un quarto d’ora dalla fine ci sarebbe un interessante colpo di testa di Starita, ma la sua deviazione trova la ribattuta involontaria di Starita (75′). Subito dopo “mischione” in area di rigore sugli sviluppi di un angolo di Zito: in mezzo ad una area calabrese affollatissima cercano la deviazione vincente prima Starita e poi Rainone, anticipato di un soffio da Savelloni. Arriva Caldore che manda di pochissimo a lato tra la disperazione dei calciatori rossoblù (76′). A poco più di dieci minuti dalla fine c’è spazio anche per Floro Flores che prende il posto di Zito con la Casertana che passa al “tridente” (79′). Su angolo di Santoro e successivo colpo di testa di Rainone la formazione rossoblù reclama anche un tocco di braccio di Vivacqua in area di rigore, ma l’arbitro lascia proseguire (82′). Starita rimedia una “botta” nelle battute conclusive ed è costretto alla sostituzione: al suo posto dentro Origlia (89′). Nei cinque minuti di recupero concessi dal direttore di gara non accade nulla. Rende-Casertana finisce per la prima volta nella storia delle due formazioni in pareggio.

Redazione