Casertana: da gennaio sei gare per ipotecare la salvezza

ginestra
Il tecnico della Casertana Ciro Ginestra (Foto Giuseppe Scialla)

Ad inizio 2020 quattro partite al “Pinto” e due trasferte non irresistibili per la formazione di Ginestra

A seguito del rinvio della gara col Potenza è andato definitivamente in archivio un 2019 decisamente mediocre per la Casertana. Sono state 40 le partite ufficiali disputate della formazione rossoblù: la prima il 20 gennaio (2-1 interno al Rieti) l’ultima due domeniche fa col Bari (0-3 al “Pinto”). Tra campionato ed impegni nella manifestazione tricolore sono state 14 le vittorie a fronte di 11 pareggi e 15 sconfitte.

L’obiettivo di fondo è quello di iniziare il 2020 nel migliore dei modi ed il calendario sembra dare una mano alla formazione di Ginestra che attualmente occupa, in “condominio” col Teramo, la decima piazza della graduatoria con 25 punti all’attivo: nelle prime sei gare del nuovo anno i falchetti scenderanno in campo per ben quattro volte sul terreno di gioco amico, mentre saranno appena due le trasferte.

La ripresa del campionato è fissata al “Razza” di Vibo Valentia contro il Rende il prossimo 12 gennaio. La domenica successiva (19 gennaio) il primo di due confronti interni con la Virtus Francavilla a cui seguirà il turno infrasettimanale col Potenza (22 gennaio).

Nel turno successivo (26 gennaio) l’ultima trasferta di gennaio allo “Scopigno” di Rieti. Poi a febbraio altre due partite al “Pinto”: la prima col Picerno (2 febbraio) e la seconda col Bisceglie (9 febbraio).

In appena ventotto giorni, quindi, una serie di incontri in cui la Casertana potrebbe mettere una seria ipoteca sulla salvezza, obiettivo stagionale dichiarato da parte del club di corso Trieste.

Massimo Iannitti