Casertana, il “dolce” arriva alla fine del girone di andata

Prima vittoria in trasferta della stagione per i falchetti di Ginestra: la rete di D’Angelo consente alla squadra rossoblù di superare la Ternana al “Liberati”

TERNANA – CASERTANA 0-1

Ternana (3-5-2): Tozzo; Suagher, Sini (Furlan 62′), Celli; Parodi, Defendi (Marilungo 62′), Palumbo, Paghera (Damian 72′), Mammarella; Partipilo (Salzano 62′), Ferrante (Vantaggiato 72′). A disp. Iannarilli, Marcone, Diakitè, Russo, Torromino, Nesta, Bergamelli. All. Gallo

Casertana (3-5-2): Crispino; Longo, Silva, Caldore; Paparusso (Rainone 89′), D’Angelo, Varesanovic, Laaribi (Clemente 56′), Zito; Starita (Cavallini 89′), Floro Flores (Origlia 50′). A disp. Zivkovic, Galluzzo, Gonzalez, Zivkov, Ciriello, Matese. All. Ginestra

Arbitro: Marcenaro di Genova

Rete: D’Angelo (C) 18′

Ammoniti: Crispino (C) 75′ per condotta antisportiva, D’Angelo (C) 92′ per condotta antisportiva

 

TERNI – Il “dolce” in trasferta arriva all’ultima gara esterna del girone di andata. La Casertana conquista la prima vittoria lontana dal “Pinto” sul terreno di gioco della Ternana, compagine che fino al pomeriggio di oggi occupava la seconda piazza della graduatoria. Un successo importante e fondamentale per i falchetti di Ginestra: ma anche e soprattutto meritato. Una prestazione perfetta e senza sbavature. L’esatto contrario di quello visto domenica scorsa contro la Paganese. E’ stata sufficiente una rete di D’Angelo per avere la meglio della quotata formazione umbra; per il resto una difesa attenta (Silva e Caldore su tutti) ed un Crispino che non ha lasciato passare nulla di quanto sia capitato dalle sue parti.

Per quanto riguarda le formazioni il tecnico rossoverde Gallo conferma il “3-5-2” visto all’opera contro Avellino e Catanzaro nelle ultime due uscite ufficiali. La sorpresa è rappresentata dall’inserimento di Partipilo al posto di Marilungo. Ginestra risponde con due scelte inattese: sono quelle di Varesanovic a dettare i tempi a centrocampo (prima da titolare in campionato per l’ex Udinese) e Floro Flores in avanti al fianco di Starita.

Primo tempo – La prima conclusione dell’incontro è per i padroni di casa: dalla lunga distanza ci prova Palumbo, ma il pallone è largo alla sinistra della porta difesa da Crispino (2′). Poi non accade più nulla fino al 13′ quando la Ternana conquista con Celli un calcio di punizione da posizione defilata. Il traversone di Mammarella dalla sinistra è insidioso, ma Caldore è bravo ad anticipare Suagher in proiezione offensiva e l’opportunità sfuma. La risposta della Casertana arriva sempre su palla inattiva di Zito: la conclusione di Laaribi, a cui perviene il pallone al limite dopo la ribattuta della difesa, viene deviata in angolo dalla retroguardia rossoverde (17′). Sul successivo tiro dalla bandierina passa in vantaggio la Casertana. Varesanovic tocca corto per Zito e da questi in mezzo: nell’area di rigore, in mezzo a tante teste, spunta quella di D’Angelo che insacca a fil di palo alla sinistra di un Tozzo immobile (18′). La Ternana ci mette qualche minuto per “riprendersi” dal gol rossoblù. Al 26′ su angolo di Mammarella c’è la deviazione di Ferrante, ma il tiro non preoccupa Crispino che vede sfilarlo a fondo campo senza alcun intervento. Qualche secondo dopo intervento in presa del portiere casertano su traversone di Parodi dalla destra (27′). Il “brivido” per la difesa casertana giunge al 33′ su angolo del solito Mammarella: Longo, posizionato sul primo palo, anticipa tutti ma svirgola liberando sul lato opposto Partipilo tutto solo davanti alla porta. Sinistro in acrobazia che attraversa tutto lo specchio della porta terminando alla destra di Crispino. La Ternana insiste ancora con l’ex Virtus Francavilla che appare particolarmente ispirato partendo dalla destra del fronte d’attacco rossoverde: buono il controllo all’altezza del dischetto e buona anche la girata. La sfera “sibila” di non molto a lato alla sinistra dell’estremo difensore rossoblù (34′). Ancora di Partipilo un esterno sinistro dal limite dell’area, ma Crispino si allunga e blocca senza grossi problemi (41′). La Casertana si rivede subito dopo con Starita che, servito da Floro Flores, prova la conclusione dalla lunga distanza (42′): altra deviazione di un difensore e palla in angolo che non sortisce, però, alcun effetto. Nel minuto di recupero concesso da direttore di gara da segnalare una respinta di Crispino su insidioso traversone di Mammarella e niente di più. Casertana che va negli spogliatoi, quindi, in vantaggio grazie alla rete di D’Angelo.

Secondo tempo – Nessuna sostituzione ad inizio ripresa da una parte e dall’altra. Pochi secondi di gioco e su angolo di Mammarella ci prova Celli in rovesciata dal limite dell’area piccola. Pallone che termina sul fondo (46′). Poi al 50′ il primo cambio dell’incontro e lo effettua la Casertana: dentro Origlia per Floro Flores che pare alle prese con un problema di natura muscolare. A seguire tocca a Clemente prendere il posto di Laaribi (56′), con l’ex Altamura proposto nel ruolo di “regista” e Varesanovic che passa a mezzala. Ma è sempre Partipilo a spaventare più di tutti la retroguardia rossoblù. Al 58′ su traversone dalla destra c’è la deviazione del mancino umbro, ma il pallone sfila nuovamente sul fondo non lontano dal palo alla destra di Crispino. Altro pericolo per la Casertana al 60′ quando Defendi, al termine di una azione insistita di Celli, arriva a tu per tu col portiere casertano bravo, comunque, a chiudergli in uscita bassa lo specchio dei pali. A questo punto anche Gallo cambia nel suo schieramento tattico (62′): dentro contemporaneamente Furlan, Salzano e Marilungo con la Ternana che passa al “4-3-1-2”. Ma al 65′ è la Casertana a mettere paura ai padroni di casa con una azione di contropiede orchestrata da Starita. L’attaccante allarga sulla sinistra per l’accorrente Zito che mette in mezzo senza trovare la deviazione vincente dei compagni di squadra. Sulla mischia che ne sussegue il pallone termina nuovamente al mancino rossoblù che calcia, da posizione defilata, sull’esterno della rete. La Ternana non demorde e sfiora il pari al 70′: ennesimo cross dalla sinistra di Mammarella e colpo di testa di Ferrante che passa di poco lontano dalla traversa. Ma l’occasione migliore per la compagine rossoverde giunge a distanza di qualche secondo (71′): non funziona al meglio la trappola del fuorigioco rossoblù con Ferrante che si ritrova solo davanti a Crispino. Conclusione a pelo d’erba che il portiere ribatte: sulla respinta altra mischia ma ancora Crispino blocca su Furlan. Gallo subito dopo completa i cambi con gli inserimenti di Damian e Vantaggiato (72′) al posto di Paghera e Ferrante. A poco dalla fine (85′) scontro aereo tra Paparusso e Salzano. Entrambi rientrano in campo con la testa vistosamente fasciata, ma poco dopo (89′) l’esterno casertano è costretto ad uscire insieme ad uno stanchissimo Starita. Al loro posto dentro Rainone e Cavallini. Nei sei minuti di recupero concessi dal direttore di gara la Casertana prova a tenere lontana la Ternana dall’area di rigore. L’obiettivo riesce fino al 94′ ma Marilungo, da buona posizione, gira alto sulla traversa. Finisce praticamente qui.

Redazione