La solita Casertana dai due volti

castaldo bis.jpg
Il pallone è alle spalle di Pane: Castaldo mette a segno la rete del vantaggio casertano (Foto Giuseppe Scialla)

Ad un positivo primo tempo concluso in vantaggio, una ripresa decisamente rinunciataria. Ed il Picerno agguanta il pari a sei minuti dalla fine

PICERNO – CASERTANA 1-1

Picerno (3-5-2): Pane; Fontana, Bertolo (Nappello 80′), Lorenzini; Melli (Fiumara 70′), Kosovan, Pitarresi, Calamai (Vrdoljak 53′), Guerra; Esposito (Santaniello 53′), Sparacello (Calabrese 53′). A disp. Fusco, Cavagnaro, Soldati, Caidi, Langone, Ruggieri, Sambou. All. Giacomarro

Casertana (3-5-2): Crispino; Longo, Silva, Caldore; Adamo (Clemente 58′), D’Angelo, Santoro (Matese 89′), Laaribi (Paparusso 58′), Zito (Varesanovic 71′); Starita (Cavallini 89′), Castaldo. A disp. Zivkovic, Galluzzo, Gonzalez, Zivkov, Ciriello, Lezzi. All. Ginestra

Arbitro: Cosso di Reggio Calabria

Reti: Castaldo (C) 33′, Santaniello (P) 84′

Ammoniti: Starita (C) 35′ per condotta antisportiva, Kosovan (P) 41′ per gioco falloso, Crispino (C) 65′ per condotta antisportiva, Longo (C) 82′ per gioco falloso, Silva (C) 91′ per gioco falloso

 

POTENZA – Bella, incisiva e pungente (grazie al gol di Castaldo) nella prima frazione di gioco. Fin troppo rinunciataria nella ripresa a difesa del vantaggio maturato e con un baricentro decisamente arretrato, complice anche i cambi operati da Ginestra poco prima del quarto d’ora della seconda frazione di gioco. La Casertana si morde le mani vedendo sfumare a pochi minuti dalla fine la prima vittoria esterna stagionale. Ma il suo atteggiamento nella ripresa ha dato troppo coraggio ad una compagine lucana apparsa, a dirla tutta, tutt’altro che un avversario irresistibile. Ed alla fine il pareggio è un risultato che probabilmente non sta bene ad entrambe le compagini.

Per quanto riguarda la cronaca, formazioni annunciate (o quasi, come del resto i rispettivi “3-5-2”) quelle che schierano sin dal primo minuto i due tecnici. Scontata la presenza di Lorenzini nelle fila lucane; un po’ meno quella dell’altro ex Esposito alla prima da titolare in campionato. Giacomarro manda in panchina l’ex Francavilla Vrdoljak e schiera al suo posto Melli, ma perde nella fase di “riscaldamento” Caidi sostituito da Bertolo. Dall’altra parte Ginestra non ricorre al “turn-over” e conferma in toto l’undici di partenza vittorioso nell’ultimo turno col Rieti.

Primo tempo – A dispetto del maggior possesso-palla della Casertana, la prima occasione da rete è per i padroni di casa (12′). Combinazione al limite dell’area tra Esposito, Sparacello e Guerra con quest’ultimo che si presenta solo davanti a Crispino sia pure in posizione defilata. “Velenosa” conclusione mancina che l’estremo difensore casertano ribatte in uscita bassa. Ancora Picerno a distanza di qualche minuto (17′) e, soprattutto, ancora Esposito che appare imprendibile, almeno in questa fase, per la retroguardia casertana. Su rapida azione di contropiede l’ex falchetto parte in velocità fino a quando Zito non “spazza” il pallone dalla sua area di rigore. La risposta della Casertana al 19′: lungo traversone di Adamo per la testa di Castaldo che, dal secondo palo, rimette al limite dell’area piccola per Laaribi, ma la mezzala viene contrata al momento della conclusione e l’occasione sfuma. Poco prima della mezz’ora insiste il Picerno (27′): solita combinazione al limite dei sedici metri ed ancora Guerra ha la possibilità di mettere in mezzo un pallone pericoloso sul quale non arriva Sparacello. Azione simile a distanza di due minuti (29′), ma stavolta dall’altra metà del campo: il traversone basso è di Zito con la difesa lucana che, in affanno, mette in angolo. Successivamente al tiro dalla bandierina ci prova Adamo dai venti metri. Conclusione, però, fiacca e che non crea problemi a Pane. Ben più pericolosa la Casertana al 32′: azione insistita di Longo sulla destra e palla in mezzo per Starita. Deviazione a seguire per Castaldo, ma sulla traiettoria si infila Fontana che di testa chiama il proprio portiere alla difficile deviazione in angolo. Subito dopo il vantaggio della Casertana. Possesso di D’Angelo sulla fascia ed appoggio sulla trequarti per il traversone dalla destra di Adamo: deviazione di testa millimetrica di Castaldo che, sfuggito alla guardia di Lorenzini, infila alle spalle di Pane (33′). Il Picerno accusa il colpo e sembra soffrire nella fase finale della prima frazione di gioco le iniziative della Casertana. Al 39′ c’è spazio per una acrobazia di Castaldo: bello il movimento, ma centrale la rovesciata, come del resto anche il “piattone” di Starita dal limite che non crea problemi a Pane dopo una rapida azione di contropiede (41′). Dopo due minuti di recupero si chiude, quindi, il primo tempo col vantaggio della Casertana grazie alle realizzazione di Castaldo.

Secondo tempo – Ad inizio ripresa nessun cambio da parte dei due tecnici, ma tanto “movimento” soprattutto dalle parti della panchina lucana. Poi al 53′ tripla sostituzione nelle fila del Picerno con Giacomarro che “rivoluziona” l’attacco con gli inserimenti di Calabrese e Santaniello ma modifica anche la mediana con l’ingresso di Vrdoljak. Ma pure Ginestra muove qualcosa nell’undici di partenza. Dentro Paparusso per Laaribi, con Adamo che lascia il posto a Clemente (58′). La Casertana, di conseguenza, serra i ranghi ma questo porta ad arretrare decisamente il raggio d’azione dei falchetti, tenendo conto che il Picerno sembra spingere decisamente di più alla ricerca del pareggio. Pari che sembra cosa fatta al 64′: Calabrese pesca tutto solo in area Kosovan, ma il suo colpo di testa (pezzo evidentemente non pregiato del repertorio dell’ucraino) termina di non molto alto sul montante della porta difesa da Crispino. Dopo l’ingresso di Fiumara (70′, per Melli) anche Ginestra deve fare a meno di Zito (71′) alle prese con i crampi: al suo posto Varesanovic. Al 77′ ancora Picerno pericoloso con l’assistenza di Calabrese per Santaniello. Deviazione da sotto misura che termina a lato di un soffio. Poi tocca a Fiumara tentare il “gol della domenica” con una conclusione di grande potenza (78′). A dieci minuti dalla fine (80′) Giacomarro cambia il suo schieramento tentando il tutto per tutto: dentro un attaccante (Nappello) al posto di un difensore (Bertolo). All’84′ il pareggio del Picerno: traversone dalla sinistra di Nappello con la difesa casertana che sembra solo guardare Santaniello anticipare di testa Crispino ed infilare in rete l’1-1. Il finale della Casertana è in affanno, ma nei sei minuti di recupero concessi dal direttore di gara non accade più nulla. Fortunatamente.

Redazione