Tanti allenatori in cerca… d’autore

pochesci.jpg

A Foggia, dopo l’avvento della nuova proprietà, il primo nome che è circolato è quello di Pochesci

Duro il “mestiere” dell’allenatore: ne sa qualcosa Mario Petrone, ex calciatore rossoblù all’inizio degli anni Novanta fino a qualche settimana fa protagonista sulla panchina del Rimini. Se la squadra biancorossa ha ottenuto la permanenza in Lega Pro è anche merito suo. Fatto sta che la nuova dirigenza, subito dopo il passaggio di quote, ci ha messo un… attimo a sostituirlo con Renato Cioffi, altro allenatore che sulla panchina della Casertana abbiamo avuto modo di conoscere sia pure nel campionato di serie D.

Petrone per il momento “libero”, ma nelle ultime ore sono rimbalzate voci su altri ex rossoblù. Ad Avellino, dopo l’avvento di Salvatore Di Somma nel ruolo di direttore sportivo, sembra essere corsa a due. Da un lato Salvatore Campilongo, reduce da una stagione in serie D alla guida del Savoia, che ha anche vestito in passato la casacca biancoverde; dall’altro Eziolino Capuano, che a maggio ha avuto la forza di lasciare Rieti in cerca di un progetto più ambizioso. Decisione in dirittura d’arrivo? Può darsi. Non da dimenticare, però, che la società irpina è tuttora in cerca di un acquirente che possa soddisfare le richieste economiche non solo della proprietà, ma anche e soprattutto dei commissari giudiziali che stanno gestendo il sequestro preventivo della Sidigas che detiene il pacchetto di maggioranza del club biancoverde. E non è detto che il nuovo eventuale acquirente possa condividere le scelte tecniche della vecchia proprietà. Situazione nebulosa: Campilongo dichiara di non essere stato neanche contattato. Capuano ha già dichiarato che “da tempo aspetta una chiamata della società biancoverde“. E ci mancherebbe.

Novità in arrivo anche per il Foggia, protagonista annunciato nel prossimo campionato di serie D. Alla fine il titolo sportivo è finito nelle mani dell’imprenditore sardo Roberto Felleca che avrà al suo fianco come direttore tecnico Ninni Corda, entrambi in uscita da Como. Dopo aver tentato di rilevare, nell’ordine, Carpi, Rieti e Lucchese alla fine l’attesa è stata premiata con l’acquisizione del Foggia. Il primo nome che sta circolando per la panchina è “nientepopodimenoche” quello di Sandro Pochesci che abbiamo conosciuto la scorsa stagione per un brevissimo periodo alla guida dei falchetti. Per lui sarebbe una parabola discendente: due anni fa in B con la Ternana, poi in Lega Pro a Caserta e domani, forse, in Interregionale col Foggia. Una sorta di ritorno alle… origini. Certo che ai “satanelli” sarebbe davvero difficile dire di no.

Redazione