Recupero: Siracusa già salvo… o quasi

catania.jpg
Catania contrastato da Rainone nella gara Siracusa-Casertana del girone di andata (Foto Giuseppe Scialla)

Quarta vittoria di fila per gli aretusei che superano il Rieti e conquistano, salvo ulteriori penalizzazioni, la permanenza in Lega Pro

Nel recupero del ventottesimo turno di campionato nel girone meridionale di Lega Pro il Siracusa, avversario domenica prossima della Casertana, supera al “De Simone” il Rieti e conquista la salvezza con quattro giornate di anticipo rispetto alla conclusione del campionato. Grazie al quarto successo consecutivo  (prima che col Rieti le vittorie con Matera, Sicula Leonzio e Vibonese) ora sono dieci le lunghezze di vantaggio sul Bisceglie: praticamente aretusei non raggiungibili dalla compagine pugliese che proprio nella prossima giornata resterà ferma per il turno di riposo previsto dal calendario.

L’unica incertezza deriva dall’ultimo “deferimento” arrivato a carico della società biancoazzurra per il tardivo versamento degli emolumenti nei confronti del tesserati relativi ai mesi di gennaio e febbraio: procedimento nei confronti del Siracusa che potrebbe portare ad una penalizzazione di due-tre punti e circostanza che rimanderebbe il “discorso-salvezza” alle ultime quattro gare di campionato, a cominciare da quella del “Pinto” in calendario il 14 aprile.

Gara che si sblocca dopo appena 11′ di gioco con Catania (nona rete in campionato per l’attaccante classe 1981) che finalizza un traversone dalla destra di Parisi e va vicino alla seconda realizzazione al 37′ quando trova, però, l’opposizione di Marcone. Il Rieti ad inizio ripresa stravolge la formazione con gli inserimenti di Delli Carri, Carpani e Maistro, con quest’ultimo che passa a supportare l’azione offensiva di Cernigoi e Gondo. Proprio il trequartista prova a rendersi pericoloso al 66′, ma Crispino gli nega il pareggio deviando in corner.

In vista della partita con la Casertana nessun problema in termini disciplinari per il Siracusa: l’elenco degli ammoniti nella gara col Rieti comprende solo Parisi e l’argentino Facundo, ma nessuno dei due era in “diffida”. Stesso discorso per il Rieti con Scardala che alla prima ammonizione della stagione.

SIRACUSA – RIETI 1-0

Siracusa (4-2-3-1): Crispino; Daffara, Turati, Bertolo, Bruno; Facundo (Gio. Fricano 72′), Palermo; Parisi (Del Col 80′), Catania, Russini (Souare 80′); Vazquez (Talamo 72′). All. Raciti

Rieti (3-5-2): Marcone; Mattia, De Vito, Scardala (Delli Carri 46′); Brumat (Tiraferri 85′), Venancio, Palma (Carpani 46′), Garofalo, Zanchi (Delli Carri 46′); Cernigoi (Tommasone 65′), Gondo. All. Capuano

Arbitro: Lorenzin di Castelfranco Veneto

Rete: Catania (S) 11′

Ammoniti: Facundo, Parisi (S); Scardala (R)

Classifica: Juve Stabia 68; Trapani 64; Catania 60; Catanzaro 57; Potenza 50; Virtus Francavilla 46; Casertana, Monopoli, Viterbese 44; Rende 43; Sicula Leonzio, Vibonese 42; Cavese, Reggina 40; Siracusa 36; Rieti 33; Bisceglie 26; Paganese 14; Matera -18.

  • un punto di penalizzazione per Juve Stabia, Rende, Trapani; 
  • due punti di penalizzazione per Monopoli;
  • tre punti di penalizzazione per Bisceglie, Siracusa;
  • quattro punti di penalizzazione per Reggina, Rieti;
  • trentaquattro punti di penalizzazione per Matera

Redazione