Casertana-Rende: com’è andata nel passato

turchetta.jpg
L’esultanza di Turchetta dopo la rete del 2-1 siglata al Rende nella sfida “play-off” della passata stagione (Foto Giuseppe Scialla)

Il bilancio vede quattro le vittorie della formazione rossoblù e tre pareggi

Una sfida “recente” quella tra Casertana e Rende che si replicherà domenica prossima al “Comunale” di viale Medaglie d’Oro. Sette i precedenti tra le due formazioni che hanno iniziato a trovarsi di fronte alla fine degli anni Settanta. Sono quattro le vittorie della Casertana e tre i pareggi con dieci reti messe complessivamente a segno dalla squadra rossoblù e due gol della compagine biancorossa.

La prima volta al “Pinto” nel campionato di serie D 1977-1978. L’incontro termina col risultato di 0-0 anche se “la Casertana deve recitare il mea culpa per aver sciupato almeno sette-otto palle gol e per aver esercitato una pressione territoriale che ha avuto spesso il carattere dell’assedio alla porta avversaria“.

Risultato che, comunque, consentirà ad entrambe le squadre di ritrovarsi nella successiva stagione 1978-1979 nel neonato campionato di C2. Partita che ricalca quella del precedente campionato, ma stavolta il risultato è diverso: finisce 1-0 per la Casertana con una realizzazione di Moccia direttamente su calcio di rigore all’82’.

Casertana e Rende tornano ad affrontarsi al “Comunale” nel campionato di C1 1981-1982 ed è un altro successo per i falchetti. Il giovane attaccante Raffaele sblocca l’incontro al 26′, ma quasi immediato il pareggio del capitano biancorosso Gregorio Mauro (35′). Prima dell’intervallo ancora Casertana in avanti con un preciso colpo di testa di Ianniello (40′). Ad inizio ripresa chiude l’incontro Urbano (50′) fissando il risultato sul definitivo 3-1.

Ma anche meglio alla Casertana nella successiva stagione 1982-1983: la “spumeggiante” formazione di Montefusco si impone col risultato di 4-0. La partita si sblocca al 23′ con “Mucci che supera come birilli tre avversari ed appena dentro l’area di rigore porge il pallone a Casaroli. Destro violento e palla in fondo al sacco“. Il raddoppio della Casertana al 44′: “Santagata ruba un pallone con caparbietà sulla sinistra e va al cross: Branchetti sfiora soltanto la sfera che Alivernini adagia comodamente in rete“. I falchetti passano ancora al 68′ con “Casaroli che ottiene un triangolo e si presenta solo davanti al portiere siglando un gran gol” e chiude il conto allo scadere (89′) con “Lamiacaputo che ribadisce in gol una respinta di Branchetti“.

Altro pareggio a reti bianche sempre in C1 nella stagione 1983-1984 con una Casertana guidata in panchina da Salvemini che soffrirà per tutto il campionato una vera e propria “anemia” del gol.

Infine i due precedenti della passata stagione di Lega Pro 2017-2018: in campionato finisce 0-0, mentre nel primo turno dei “play-off” la formazione rossoblù si impone in rimonta col risultato di 2-1. Sblocca il risultato a venti minuti dalla fine il biancorosso Gigliotti che “raccoglie palla in piena area e trafigge Forte con un preciso diagonale di destro”. Risultato che qualificherebbe al turno successivo il Rende e la Casertana sembra complicarsi la vita con un rigore che Turchetta si vede respingere da De Brasi al 73′. Ma passano appena due minuti ed i falchetti impattano con Pinna con una splendida punizione dai trenta metri“. Finale di partita in sofferenza per la Casertana che resta in dieci per l’espulsione di D’Anna e con Laaribi che coglie, su punizione, la traversa. In pieno recupero (92′) “Turchetta si fa perdonare del rigore sbagliato e sigla la rete del successo rossoblù superando De Brasi con un delizioso pallonetto“.

Redazione