Zito, terza espulsione della stagione

zito bis.jpg
Zito lascia anzitempo il terreno di gioco del “Torre” dopo l’ennesima espulsione della stagione (Foto Giuseppe Scialla)

Ancora un “rosso” ai danni del calciatore: per lui in arrivo due giornate di stop

Nella gara con la Paganese disputata al “Torre” ancora una espulsione (gratuita) rimediata da un calciatore rossoblù nel corso di questa stagione: si tratta della dodicesima in campionato.

Per la terza volta è toccato ad Antonio Zito, già sanzionato col “rosso” in occasione della gara interna con la Reggina (poco prima di Natale erano arrivate tre giornate di squalifica per lui dopo un “pestone” ai danni del calabrese Marino rimasto a terra dopo un contrasto di gioco) e poi alla fine di gennaio al “Ceravolo” di Catanzaro (in quella occasione l’espulsione aveva portato un turno “perché al termine della gara colpiva con uno schiaffo al volto un calciatore della squadra avversaria, in reazione“).

Per il mancino, che nel corso della partita ha messo in scena una “battaglia” personale con l’azzurrostellato Piana (andava sostituito prima), sono in arrivo due turni di stop disciplinare (“rosso” diretto per “atto di violenza verso un avversario con il pallone non a distanza di gioco“) che lo faranno salire a ben sette giornate di squalifica complessive, considerando anche lo stop per “cumulo” di ammonizioni che gli ha fatto saltare la trasferta di Trapani. Raggiunge nella classifica dei più “cattivi” l’altro casertano Blondett, pure lui con sette turni di stop disciplinare in campionato. Salterà, quindi, le gare contro Rende e Monopoli.

Nel corso della partita con gli azzurrostellati ammonizione pure per De Marco: anche il centrocampista classe 1994 entra in “diffida” al pari di Castaldo, Cigliano, D’Angelo, Padovan, Pinna e Romano.

Per la prossima gara interna col Rende in programma domenica 31 marzo al “Pinto” tornerà a disposizione dello staff tecnico Rainone che ha scontato i tre turni di stop disciplinare rimediati nel derby con la Juve Stabia, ma pure Lorenzini e Santoro al rientro da una giornata di squalifica.

Redazione