La Casertana non sa più vincere

ROMANO BIS
La rete di Romano che ha sbloccato il risultato di Paganese-Casertana disputata al “Torre” (Foto Giuseppe Scialla)

La Paganese impone il pari ai falchetti che anche al “Marcello Torre” ha palesato i soliti limiti, soprattutto nel reparto difensivo, ha subito 8 gol nelle ultime 3 partite

PAGANESE – CASERTANA 2-2

Paganese (3-4-1-2): Galli; Piana, Stendardo, Dellafiore; Tazza (26’st Carotenuto), Capece, Nacci (26’st Navas), Perri (38’st Di Renzo); Scarpa (11’st Della Morte); Cesaretti, Parigi. A disp. Santopadre, Della Corte, Sapone, Diop, Gori, Alberti, Acampora, Gifford. All. Erra

Casertana (4-3-3): Adamonis; Meola, Pascali, Blondett, Gonzalez; Romano (45’st Floro Flores), Vacca, De Marco; Cigliano (11’st Padovan), Castaldo, Zito. A disp. Zivkovic, Ciriello, Matese, Genovese, Moccia, Zaccaro. All. Esposito-Di Costanzo

Arbitro: Davide Mario Arace di Lugo di Romagna

Assistenti: Giuseppe Licari di Marsala ed Emilio Micalizzi di Palermo

Reti: 12’pt Romano (C), 26’pt Cesaretti (P), 41’pt Castaldo (C) rig., 46’pt Parigi (P)

Ammoniti: Dellafiore (P), De Marco (C), Stendardo (P), Navas (P)

Espulsi: 31’st Di Deo (allenatore in seconda della Paganese), 32’st Zito (C)

Calci d’angolo: Paganese 3; Casertana 3

Recupero: primo tempo 1′; secondo tempo 3′

PAGANI – La Casertana anche a Pagani soffre e non riesce a trovare la vittoria che ormai manca dallo scorso 2 febbraio (1-0 con la Virtus Francavilla al Pinto), mentre l’ultima vittoria in trasferta risale al 30 dicembre dello scorso anno contro la Cavese nella prima giornata del girone di ritorno. Partita non bella con i falchetti, ancora privi di molti titolari, che hanno palesato i soliti limiti, soprattutto nel reparto difensivo, reparto che nelle ultime partite ha subito ben 8 reti. Al “Marcello Torre” di Pagani ancora una volta va di scena un derby campano senza la tifoseria della squadra ospite: questa volta è toccato ai supporter della Casertana restare a casa per il divieto imposto dalla Prefettura di Salerno a causa di vecchi “rancori” tra le opposte schiere di tifosi che in passato hanno dato vita a qualche scontro. Non sappiamo fino a che punto servono questi divieti, di sicuro a perdere è il calcio, per cui derby coreografici di una volta si trasformano in derby “privi di emozioni” almeno per quanto riguarda gli spalti a dir poco deserti.

Primo tempo – Pronti via e nel giro di 60″ la Casertana si rende pericolosa verso la porta difesa da Galli e in entrambe le occasioni il protagonista è Zito. Al 5′ con una conclusione dal limite che finisce di poco fuori e al 6′, servito da Castaldo, entra in area ma conclude debole e centrale per la facile parata del portiere della Paganese che però nulla può fare al 12′ su preciso calcio di punizione battuta da Romano. Vacca “cerca e trova” un calcio di punizione dal limite sul vertice di sinistra, sulla sfera si porta Romano che con un preciso tiro a giro insacca quasi all’incrocio dei pali della porta difesa da Galli. E’ il vantaggio della Casertana. La partita non offre molti spunti cronaca dall’una e dall’altra parte e ristagna nella zona nevralgica del campo senza alcun intervento degli estremi difensori. Gli ospiti però trovano il gol del pareggio al 26′, palla in attiva dalla destra con Capece il cui cross che raggiunge sul vertice opposto Cesaretti il quale si accentra, contrastato da Pascali, e lascia partite un tiro non proprio irresistibile verso la porta di Adamonis che, complice anche una piccola deviazione di Dellafiore, interviene in maniera goffa non trattenendo la sfera che finisce nel sacco. I falchetti si riportano in vantaggio al 41′ con un calcio di rigore realizzato da Castaldo. Il penalty scaturisce da un tiro di Vacca appena dentro l’area (40′) che colpisce il braccio di Dellafiore, l’arbitro ben posizionato indica il dischetto ed ammonisce il difensore azzurrostellato. Dagli undici metri si porta il capitano rossoblù che con un preciso rasoterra spiazza nettamente Galli e sigla il 13 gol in campionato. Nel minuto di recupero i padroni di casa passano ancora e trovano il pareggio. C’è un cross dalla destra, Adamonis saltella da un palo all’altro della propria porta senza trovare la posizione, un’indecisione che costa cara alla Casertana poiché interviene di testa Parigi, dopo un primo tocco ancora di Cesaretti, e insacca.

Secondo tempo – Troppa confusione in campo anche all’inizio della ripresa con le due formazioni che non riescono a trovare le giuste distanze, mister Esposito ci prova mandando in campo Padovan al posto di un inconcludente Cigliano, il tecnico Erra risponde con Della Morte in luogo di Scarpa. Minuto 15′ capitan Castaldo caccia dal cilindro la conclusione a sorpresa poco fuori dall’area di rigore, ma il suo pallonetto termina di poco alto sopra la traversa. Giro di lancette, cross dalla destra di Meola al centro dell’area, Zito non riesce a intervenire di testa e Castaldo perde l’attimo propizio per correggere in rete. L’occasione buona, però, capita sui piedi di Cesaretti al 19′. l’attaccante lasciato libero dalla difesa rossoblù entra in area e con un perfetto tiro ad effetto colpisce il palo pieno alla sinistra di Adamonis convinto che il pallone fosse destinato a spegnersi sul fondo. La gara si trascina sull’improvvisazione dei singoli e su una di queste, innescata da Zito che cross al centro, Romano (22′) perde l’attimo per concludere a rete. E’ ancora Cesaretti a rendersi pericoloso al 25′, l’attaccante entra in area di rigore e da buona posizione anziché tirare preferisce servire l’accorrente Nacci che conclude in maniera goffa. A questo punto diventa protagonista il direttore di gara che al 31′ su segnalazione del collaboratore allontana dalla panchina Di Deo, il secondo di Erra. Un minuto più tardi cartellino rosso per Zito che tenta la ripartenza ma viene tallonato da Navas sul quale il rossoblù ha una reazione fallosa che lo costringere alla doccia anzitempo lasciando in dieci al Casertana in un momento abbastanza topico della gara. Negli ultimi minuti la Paganese, forte dell’uomo in più, ci crede e tenta il tutto per tutto con la Casertana che replica in contropiede senza però impensierire la retroguardia della Paganese che su un capovolgimento di fronte (42′) si trova con 5 uomini contro 3 difensori, Capece serve Parigi che mette al centro ma nessuno dei suoi segue l’azione con il pallone che finisce fuori all’altezza della bandierina. Tre i minuti di recupero durante i quali il risultato di 2-2 non cambia.

Pasquino Corbelli