Paganese: l’ultima speranza si chiama Erra

erra.jpg
Alessandro Erra al “Pinto” alla guida del Sambiase nella stagione 2010-2011 (Foto Giuseppe Scialla)

Terzo cambio sulla panchina azzurrostellata: dopo Fusco e De Sanzo arriva il tecnico ex Catanzaro

Sette giornate alla conclusione della stagione e quattordici punti di distacco dal terz’ultimo posto della graduatoria. Se il campionato fosse terminato domenica scorsa dopo la “scoppola” rimediata nel derby di Cava de’ Tirreni, la Paganese avrebbe detto “addio” al campionato di Lega Pro senza neanche passare dai “play-out” tenuto conto del distacco superiore alle otto lunghezze come da previsioni del Regolamento.

Eppure da Pagani arrivano segnali di ben altra speranza.  Nella giornata di ieri la notizia dell’esonero di Fabio De Sanzo e la sua sostituzione con Alessandro Erra. Per la formazione azzurrostellata si tratta del terzo cambio stagionale sulla panchina: ad iniziare la stagione era stato, infatti, Luca Fusco esonerato anche lui dopo la sconfitta maturata a Reggio Calabria.

Le strade di Erra e della Casertana, avversaria domenica prossima al “Torre” di Pagani, tornano ad “incrociarsi” a distanza di qualche stagione. Da ricordare, prima di tutto, che l’ex difensore di origini genovesi ha anche indossato nella sua carriera la casacca dei falchetti nella stagione di C2 1996-1997 collezionando ventisette presenze tra campionato e Coppa Italia.

L’ultima volta, invece, nel campionato di Lega Pro 2016-2017 con Erra alla conduzione del Catanzaro in occasione della trentasettesima giornata disputata il 30 aprile 2017. In quella occasione la formazione giallorossa si impose col risultato di 2-0.

Da non dimenticare, poi, anche la stagione di serie D 2010-2011 con Erra che all’epoca guidava il Sambiase. Nella semifinale “play-off” del girone I la Casertana di Grassadonia venne sconfitta al “Pinto” dalla compagine calabrese col risultato di 1-2 (vantaggio rossoblù siglato da Giglio, poi le reti di Lio su rigore e Martello). Stop interno che chiuse con largo anticipo l’esperienza dei falchetti nell'”extra-season”.

Redazione