La Viterbese passa al Pinto

Gigi Castaldo cerca spazio nell’area di rigore della Viterbese (Foto Giuseppe Scialla)

I laziali si impongono per 3 a 4

CASERTANA – VITERBESE: 3-4

Casertana: Adamonis, Blondett, Pascali, Lorenzini, Meola, De Marco (Santoro 84′), Vacca, Romano, Zito, Cigliano, Castaldo. All. Esposito

Viterbese: Valentini, Rinaldi, Coda (Sini 67′), Atanasov, Zerbin (De Giorgi 35′), Damiani, Baldassin, Tsonev (Cenciarelli 57′), Mignanelli, Pacilli (Polidori 57′), Bismark (Vandeputte 67′). All. Calabro

Arbitro: Tremolada di Monza

Reti: Pacilli (V) 21′ su rigore, Meola (C) 31′, Pacilli (V) 34′ su rigore, Tsonev (V) 46’pt, Castaldo (C) 53′ su rigore, Zito (C) 63′, Mignanelli (V) 86′.

Ammoniti: Blondett, Lorenzini, Santoro (C); Damiani, Sini, Mignanelli (V)

Calci d’angolo: Casertana 5; Viterbese 2.

Spettatori: circa 1500 di cui 70 provenienti da Viterbo.

Recupero: primo tempo 2′; secondo tempo 4′.

CASERTA – Casertana in piena emergenza, costretta ad affidarsi a molti ragazzi, che in settimana si sono allenati con la prima squadra. Come se non bastasse, a inaridire la zona offensiva del falchetti, è arrivata la defezione anche di Padovan. In casa Viterbese, l’unica assenza di rilievo doveva essere quella di Atanasov, protagonista indiscusso nei quarti di finale di Coppa di Lega, che alla vigilia si diceva squalificato, invece regolarmente in campo tra la sorpresa generale. Per il resto, mister Calabro può contare sul resto della rosa a disposizione. I falchetti tornano al Pinto dove la vittoria manca dallo scorso 3 febbraio, 1-0 con la Virtus Francavilla, gol di Rainone e dopo una settimana di polemiche e contestazioni, l’unico obiettivo è la vittoria. Un obiettivo, che però, grazie ad una coriacea e attenta Viterbese svanisce nel nulla, anzi la Casertana viene sconfitta in maniera davvero inesorabile ed esce dal terreno di gioco tra le contestazioni dei tifosi rossoblù.

Primo tempo – Dopo un minuto di raccoglimento per onorare la memoria dell’ex portiere dell’Inter Renato Cipollini, nonché dirigente federale, l’arbitro Tremolda dà il via alle ostilità. Al 5′ la Viterbese si rende pericolosa con un’azione corale all’interno dell’area di rigore rossoblù, sbroglia tutto l’intervento risolutivo di De Marco che spazza via.  Al 20′ rigore netto per la Viterbese per un fallo in piena area di Blondett dai dietro ai danni Ngissah, nessuna esitazione per l’arbitro che indica il dischetto. Precisa la trasformazione dello specialista Pacilli. La Casertana cerca in qualche modo di reagire e al 30′ potrebbe passare con il giovane Cigliano con un’azione insistente in area che lo porta a tu per tu con Valentini che respinge con il corpo il tiro a colpo sicuro del falchetto. I rossoblù insistono e un colpo di testa di Castaldo di poco a lato mette i brividi alla retroguardia laziale. Il gol è nell’aria e arriva al 31′, preciso cross dalla destra di Castaldo per l’accorrente Meola che insacca alle spalle di Valentini. L’equilibrio tra le due squadre però dura davvero poco, al 33′ Pascali contrasta in maniera fallosa Zerbin che va giù e il direttore di gara decreta un nuovo penalty per la Viterbese, ancora Pacilli dagli undici metri che cambia angolo e realizza il raddoppio. In fase di recupero arriva il terzo gol della Viterbese con Tsonev che servito da Ngissah, in posizione angolata, trafigge ancora una volta Adamonis.

Secondo tempo – Al 7′ calcio di rigore per la Casertana, Rinaldi nell’intento di allontanare il pallone della propria area con un colpo di testa colpisce il braccio del compagno di reparto Atanasov, l’arbitro a pochi passi dall’azione indica il dischetto dove si porta il bomber rossoblù Castaldo che in maniera impeccabile trafigge Valentini. Passano dieci minuti e i padroni di casa raggiungono il pari. Azione di insistente di Cigliano che supera il centrocampo e di esterno sinistro mette in movimento Zito che si invola verso la porta di Valentini e con un preciso diagonale insacca. Si rende ancora pericolosa la Viterbese al 22′, gran tiro di Mignanelli che chiama Adamonis alla grande parata, sulla ribattuta, però, Baldassin colpisce male con il ginocchio e sbaglia una facile occasione da rete. 31′ gran numero di Castaldo che servito dalla destra da Romano colpisce al volo ma la sfera si impenna e finisce oltre la traversa. Applausi a scena aperta per il bomber rossoblù. La Viterbese, però, non sta a guardare e al 41′ trova il quarto gol con Mignanelli che sfrutta nei migliori dei modi un assist di un compagno di reparto, si allunga il pallone, fa fuori Pascali e insacca con Adamonis in disperata uscita. Passano due minuti e ancora pericoloso Mignanelli che chiama Adamionis alla deviazione in angolo.  

Pasquino Corbelli