Girone C: domani l’esclusione del Matera?

matera.jpg

In programma il Consiglio Federale: tanti i problemi da affrontare sul tavolo di lavoro

Ventitreesima giornata ormai alle spalle nel girone C di Lega Pro, ma ancora tutte da definire le regole relative a promozioni, retrocessioni ed eventuali esclusioni dai campionati in corso.

Domani, 30 gennaio, l’atteso Consiglio Federale della Figc dove saranno tanti gli argomenti in discussione sul tavolo di lavoro. Prima di tutto ci sarà da discutere il “format” relativo al campionato di serie B 2019-2020: la Lega cadetta continuerà a proporre quello attuale a 18 squadre, mentre quella di serie C chiederà ad alta voce il ripristino delle 22 formazioni. Soluzione che porterebbe a ben sette promozioni dalla Lega Pro. Non è da escludere una decisione “all’italiana”: 20 squadre e cinque passaggi dalla serie C alla categoria cadetta. Con quali criteri effettuare, poi, due “ripescaggi” oltre alle tre promozioni dirette? Tutto da definire.

Come è da definire anche il funzionamento dei “play-off” di Lega Pro. In linea di massima dovrebbe essere confermato quanto accaduto nella scorsa stagione, ma nulla è stato ancora messo su carta. Tante idee: qualcuna giusta, altre decisamente più “bislacche”. C’è chi chiede il campo “neutro” da un certo punto del tabellone in poi, e chi propone sfide “andata” e “ritorno”, ma nulla è ancora certo.

E poi rimane la situazione delle società non in regola con la fidejussione: Cuneo, Lucchese, Matera e Pro Piacenza. L’attuale normativa non consente in alcun modo l’esclusione dal campionato di competenza per la mancata presentazione della garanzia, ma solo una sanzione (pari all’importo della stessa fidejussione di euro 350.000,00) ed otto punti di penalizzazione in classifica. Multa e punti di penalità sicuramente importanti sotto l’aspetto economico e di classifica, ma comunque “in barba” a tutte quelle società che hanno fatto non pochi sacrifici nel corso della stagione per essere completamente in regola.

E mentre Cuneo e Lucchese stanno comunque cercando di dare un “senso calcistico” alla loro stagione, differente la situazione per Pro Piacenza e Matera. Gli emiliani per il momento sono “sospesi” dal loro girone; i lucani, dopo il “forfait” di Catania, continuano a mettere in campo ragazzini del 2001 e del 2002.

Intanto per tutte continuano a piovere punti di penalizzazione: eclatante il “meno 26” che ha interessato il Matera appena nella giornata di ieri. E non è finita qui dato che sono attese nella capitale europea della cultura 2019 ulteriori punti di penalizzazione.

Preferibile, ma difficilmente praticabile, l’esclusione per tutte e quattro le società: soluzione che porterebbe allo 0-3 “a tavolino” per tutte le gare ancora da disputare fino al termine della stagione. Se ne saprà domani qualcosa in più. Forse…

Massimo Iannitti