Castaldo & gli altri: vite da “bomber”

castaldooo.jpg
Gigi Castaldo (Foto Giuseppe Scialla)

Di Piazza, Bianchimano, Baclet: subito a segno i protagonisti del mercato invernale

Attaccanti di categoria e non solo: merce rara nella Lega Pro. Chi li ha se li tiene stretti, e chi non li ha è disposto ad un corposo sacrificio per metterli a disposizione della loro squadra. Il “mercato invernale” di riparazione, dopo tutto, è girato proprio attorno agli stessi nomi: Di Piazza, Bianchimano e Baclet. Una vera e propria “asta” che alla fine ha avuto i suoi vincitori. Tutti contenti e tifoserie pronte ad “osannare” i nuovi Profeti del gol.

di piazza
Matteo Di Piazza

A Catania, per fare un esempio, decisivo Matteo Di Piazza,  appena tornato in Lega Pro dopo l'”esilio” nella categoria cadetta col Cosenza. All’attaccante ex Foggia sono bastati 56′ di gioco (i 31′ in campo a Siracusa nella gara di esordio a cui aggiungere i 21′ iniziali della sfida col Rende) per “timbrare” il cartellino dei marcatori. Rete “di rapina” e sul filo dell’off-side: a tenerlo in gioco ci pensa il biancorosso Borello che si attarda in prossimità della linea di fondo dopo la punizione battuta da Lodi. Poi la corsa rabbiosa dell’attaccante sotto la curva. Il nuovo idolo del “Massimino” è servito, anche se i tifosi rossazzurri sono di palato fine ed a loro non basta certo un gol per mettere fine a delle “incomprensioni” frutto di precedenti stagioni.

bianchimano.jpg
Andrea Bianchimano

Primi gol in campionato pure per Andrea Bianchimano: sua la doppietta rifilata alla Casertana che mette fine ad un digiuno che durava dalla scorsa stagione. Prima parte del campionato vissuto da “comparsa” a Perugia per il giovane attaccante classe 1996. Appena cinque presenze ed ai margini del progetto tecnico di Nesta. Il lungo attaccante di Carate Brianza è tornato nella “sua” Calabria dove già aveva fatto bene con la casacca della Reggina lo scorso campionato. 84′ di gioco e già due gol all’attivo: facili-facili quanto si vuole, ma al “Ceravolo” non poteva presentarsi meglio.

baclet.jpg
Allan Pierre Baclet

Copertina pure per Allan Pierre Baclet. C’è voluto del bello e del buono (e pure del portafoglio del neo presidente Gallo) per convincere la punta francese a lasciare l’amata Cosenza. Subentrato al 60′ nella sfida del “Veneziani” all’ex falchetti sono serviti appena 7′ in campo per andare a segno con un preciso colpo di testa.

Ed al fianco dei “nuovi” ci sono i “sempreverdi” che occupano la “controcopertina”, a cominciare da Emanuele Catania (classe 1981), uno dei pochi a tenere in linea di “galleggiamento” un Siracusa in piena lotta per la salvezza. Insieme a lui il più giovane Gigi Castaldo (1982) che in venti apparizioni di campionato ha già messo a segno ben undici reti ed ora è in vetta solitario alla classifica cannonieri del raggruppamento. La doppietta siglata al Catanzaro di rara bellezza: il primo gol su tocco di esterno a scavalcare il portiere. La seconda rete con una conclusione di precisione dai venti metri. Due “gioielli”.

Redazione