A Caserta in campo un Rieti tutto nuovo

palma.jpg
Giuseppe Palma, centrocampista del Rieti (Foto Giuseppe Scialla)

Dalla società alla squadra: ecco le principali novità nella formazione laziale di mister Capuano

E’ un Rieti letteralmente stravolto rispetto alla gara del girone di andata quello che nel pomeriggio di domenica (fischio d’inizio alle 18,30) sarà ospite della Casertana al “Pinto”. Cambiata, prima di tutto, la società: è tornato Riccardo Curci alla conduzione del club mettendo fine alla semestrale esperienza “greca” firmata Manthos Poulinakis. Addio anche al tecnico portoghese Ricardo Cheu il cui posto è stato preso da Ezio Capuano. Conseguentemente “stravolgimento” anche nell’assetto, dove il “quattro-tre-tre” dell’allenatore lusitano ha lasciato spazio al “tre-cinque-uno-uno” del trainer salernitano.

Ma pure quattro degli undici titolari opposti alla Casertana allo “Scopigno” lo scorso mese di settembre hanno lasciato l’organico amaranto-celeste: rescissione contrattuale, infatti, sia per il portiere Chastre ed il difensore Gallifuoco, come del resto per gli attaccanti Vasiliou e Todorov che hanno terminato anticipatamente la loro esperienza italiana in Lega Pro.

Tante partenze (e nei prossimi giorni se ne dovrebbero aggiungere altre), ma pure tanti nuovi ingaggi per un club che ha come obiettivo principale la permanenza in Lega Pro riconquistata lo scorso anno dopo molti anni vissuti tra i dilettanti. Nel contesto qualche conferma importante come quella del trequartista Maistro e dell’attaccante Gondo. Per la mezzala classe 1998 prodotto del settore giovanile della Fiorentina una prima parte della stagione in bella evidenza: cinque reti in 1426′ di gioco che lo hanno posto all’attenzione di molti club non solo di serie C. La punta centrale ivoriana ha fatto anche meglio in termini realizzativi (sei gol in 1128′ in campo), e pure lui ora rientra tra i pezzi pregiati del mercato di Lega Pro.

Una “campagna di riparazione” che ieri ha fatto registrare l’arrivo di Marchi, centrocampista già lo scorso anno alle dipendenze di Capuano con la Sambenedettese al pari del difensore Mattia. Con loro anche un ritorno: è quello dell’esterno Tiraferri, rientrato a Rieti dopo la semestrale esperienza con la maglia del Castiadas in serie D. In dirittura d’arrivo, inoltre, anche il giovane centrocampista Garofalo che ha vissuto la prima parte della stagione col Pro Piacenza.

Difficile ipotizzare la formazione che sarà opposta alla Casertana, ma qualche indicazione è arrivata dalle due amichevoli disputate sabato all'”Arechi” con la Salernitana (1-1 il finale) e nel pomeriggio di ieri, giovedì, con l’Amatrice che disputa il campionato di Prima categoria (rotondo 5-0).

Nello schieramento davanti al portiere Costa (1996, sei presenze da titolare in campionato finora) ci sarà il terzetto difensivo composto da Delli Carri (1999), Pepe (1996) e Gigli (1996). Poche le alternative nel pacchetto di retroguardia: tra Barbini (1998), Migliaccio (1996) e Gualtieri (1998) solo quest’ultimo ha collezionato qualche apparizione nel corso della stagione. Attese, quindi, novità in difesa prima della fine del mercato: potrebbe essere Brumat (1995) in uscita dal Siena e già con Capuano all’Arezzo.

In mediana tutto “ruota” attorno al napoletano Palma (1994), lo scorso anno in serie D nelle fila del Mantova ed a cui non manca l’esperienza nonostante la giovane età (in passato con Vicenza, Paganese ed Ischia, ma pure una stagione nella massima serie lituana). Al suo fianco ci sarà sicuramente Marchi (1989), mentre il terzo centrale sarà Konate (1999). Sulle corsie esterne a destra l’ultimo arrivato Mattia (1996), mentre sulla fascia opposta il portoghese Venancio (1999), piccola “rivelazione” in queste prime uscite della gestione Capuano ed in gol direttamente su calcio di punizione nella gara di Salerno. Di fatto il calciatore lusitano nasce come attaccante esterno, ed in questo ruolo è stato utilizzato (poco) da Cheu nella prima parte del campionato. Capuano lo ha “trasformato” in quinto a sinistra della mediana e le ultime prove sembrano avallare la scelta del nuovo allenatore. Ma pure in questo senso il tecnico ha chiesto “qualcosa” sul mercato di riparazione.

Infine il reparto d’attacco che giostra, come detto, sulla coppia costituita da Maistro (1998) e Gondo (1996), due elementi molto forti fisicamente con il primo che aggiunge anche una pregevole tecnica. Davvero poche le alternative tenendo anche conto dell’infortunio rimediato lo scorso 30 dicembre da Cericola (1996) in occasione della gara col Matera. Di fatto in organico solo il cassinate Tommasone (1995), peraltro utilizzato pochissimo finora (appena 64′ di gioco tra Coppa e campionato). In arrivo, infatti, un’altra punta: si tratta del lungo Cernigoi (1995) che la Salernitana sta per acquisire dal Pisa per poi girarlo immediatamente in prestito proprio al Rieti.

Per la scheda completa del Rieti clicca qui.

Massimo Iannitti