Domani apre il “supermarket” Matera

stendardo.jpg
Mariano Stendardo in occasione di Matera-Casertana di questa stagione (Foto Giuseppe Scialla)

Salvo fatti nuovi svincolo d’ufficio per tutti i calciatori: cosa potrebbe far comodo alla Casertana

Nessuna novità di rilievo in casa Matera dopo la crisi dello scorso mese di dicembre sfociata con la presentazione della formazione Berretti nei confronti con Reggina e Rieti. La società lucana ha ancora due giorni di tempo a disposizione per risolvere il primo dei grandi “problemi” che attanagliano il club, ovvero perfezionare una seconda fidejussione in sostituzione di quella rilasciata dalla Finworld e non ritenuta idonea dalla Lega Pro dopo una lunga battaglia legale. In caso contrario sarà applicata una pesantissima multa (pari all’importo della fidejussione, ovvero euro 350.000,00) a cui aggiungere ben otto punti di penalizzazione da scontare nel campionato in corso.

Poi bisognerà comprendere con quale squadra andare avanti per il prosieguo della stagione. Tutti i calciatori attualmente presenti nell’organico biancoazzurro potrebbero, infatti, svincolarsi già nella giornata di domani dopo la messa in mora perfezionata qualche settimana fa nei confronti del club. Per l’attaccante Orlando approccio da parte del Rieti, ma pure il centrocampista ex Fiorentina Bangu, il terzino sudamericano Sepe e l’attaccante argentino Corado sono in attesa dello “svincolo d’ufficio” per trovare altra sistemazione.

Il trequartista Ricci dovrebbe essersi “promesso” all’Avellino, ma in “stand-by” anche Triarico (piace alla Virtus Francavilla), il centrocampista Galdean (che potrebbe far ritorno al Taranto) ma molto attenzionato pure il portiere Farroni, uno dei migliori elementi nella prima parte della stagione.

Negli ultimi giorni un altro paio di elementi sono stati accostati anche alla Casertana: il primo è il centrocampista Davide Corso, classe 1992. Diciassette le presenze stagionali (di queste quindici in campionato) e 1216′ complessivi in campo con sei ammonizioni rimediate nella stagione. L’altro è il capitano Mariano Stendardo, difensore centrale di grande esperienza classe 1983 che in questo campionato ha all’attivo sedici presenze (1368′ in campo) ed una rete messa a segno proprio contro la Casertana nel confronto disputato a Matera lo scorso mese di ottobre. Mariano è il fratello minore di Guglielmo Stendardo, pure lui difensore il cui nome era apparso vicinissimo alla Casertana nello scorso mese di giugno.

Redazione