Lega Pro: i movimenti del mercato di oggi

aktaou.jpg
Il difensore esterno Fahd Aktaou, impegnato nella foto in Casertana-Juve Stabia di Coppa Italia, ha rescisso con le “vespe” (Foto Giuseppe Scialla)

Aktaou lascia la Juve Stabia. Sparacello al Teramo e Zenuni alla Virtus Francavilla

Una settimana dall’inizio del mercato, ma stenta a decollare la campagna trasferimenti per le protagoniste del raggruppamento C di serie C. Analizziamo cosa è successo oggi 10 gennaio.

Prima di tutto definito il passaggio al vertice societario della Reggina con Luca Gallo che diventa nuovo proprietario del club calabrese acquisendo la totalità delle quote dalla famiglia Praticò. Svolta alla presidenza del club che, di fatto, apre il mercato della società amaranto.

Inizia a muoversi con decisione il Catania: in attesa di dirimere la “questione” Matteo Di Piazza (l’attaccante classe 1988 vuole la piazza etnea, il Cosenza vorrebbe cederlo al Catanzaro che rispetto alla società rossazzurra offre un corrispettivo al club di appartenenza), il sodalizio siciliano ha virato con decisione su Vincenzo Sarno, trequartista pure lui del 1988 in uscita da Padova. Ma la dirigenza etnea è prossima alla chiusura pure per il centrocampista Giuseppe Mattia Carriero (1997, dal Parma) che per Antonio Palumbo (1996, dalla Sampdoria via Salernitana). Ma pure il Catanzaro non vuole stare alla “finestra”: prospettato l’ingaggio di Reginaldo, con l’ex Fiorentina e Parma classe 1983 che è in uscita dal Monza.

Nella giornata di oggi si è chiusa la “telenovela” Fabrizio Paghera: il centrocampista bresciano classe 1991, dopo essersi allenato già ieri con i rossoverdi, ha firmato con la Ternana dopo gli interessamenti da parte di Casertana e Reggina (ed in precedenza pure da parte del Matera).

Nel girone meridionale di Lega Pro un movimento in uscita anche per la capolista Juve Stabia: rescissione contrattuale col difensore esterno marocchino Fahd Aktaou. Per il mancino classe 1993 capace di giostrare su entrambe le fasce sono stati 883′ di gioco in sedici apparizioni tra campionato e Coppa condite da due ammonizioni.

Qualcosa si è mosso pure a Bisceglie: la partenza di Nikola Jakimoski (che nel pomeriggio di ieri ha fatto il suo esordio con la nuova maglia dell’Ael Larissa nella vittoriosa gara interna di Coppa con l’Asteras Tripolis) compensata dall’arrivo in prestito dall’Ascoli del pari-ruolo Samuele Parlati, classe 1997 con all’attivo una singola apparizione in questa stagione nel campionato cadetto e due anni fa con la casacca della Paganese.

“Lavori in corso” anche a Rieti dopo l’arrivo di Capuano al posto di Cheu (il tecnico lusitano si è già sistemato nella prima divisione slovacca al Senica). Prima di dare il via al mercato di riparazione il tecnico salernitano vuole conoscere il “materiale” tecnico a sua disposizione. Intanto sembra essere stato sondato Diamante Crispino, portiere del 1994 in forza al Bisceglie.

Movimento in entrata ed uscita alla Virtus Francavilla nel reparto d’attacco: in attesa di sistemare Valerio Anastasi (1990) la società biancoazzurra ha ceduto Claudio Sparacello (1995, 427′ di gioco e nessuna realizzazione) al Teramo. In cambio dal club abruzzese è arrivato Federico Zenuni, trequartista classe 1997. Inoltre in casa brindisina è rimbalzato nuovamente il nome di Francesco Cosimo Patierno (1991, sei reti in otto gare disputate quest’anno col Bitonto in serie D) inizialmente accostato al Potenza. E proprio da parte del club pugliese secca smentita su un eventuale trasferimento di Manuel Sarao. L’attaccante classe 1989 (cinque reti stagionali in 1613′ in campo) non lascerà la maglia biancoazzurra a dispetto di un presunto interessamento da parte del Trapani.

Discorso simile, a quanto pare, anche per Andrea Russotto, trequartista classe 1988 che non si muoverà dalla Sambenedettese nonostante la richiesta, vera o presunta, della Sicula Leonzio.

Alla Paganese, infine, è terminata l’esperienza in azzurrostellato del difensore Alessio Garofalo (1998, sei presenze e 179′ di gioco complessivi nella prima parte della stagione): potrebbe finire al Potenza.

Redazione