“Effetto domino” di attaccanti nel girone C

strambelli.jpg
Strambelli in azione contro D’Angelo in Potenza-Casertana dello scorso mese di dicembre (Foto Giuseppe Scialla)

Salvemini il primo trasferimento: passa dal Potenza al Monopoli

Un vero e proprio “effetto domino” sta per abbattersi nel raggruppamento meridionale di Lega Pro. Una serie di movimenti a catena che interesseranno molte formazioni del girone e che riguarda principalmente gli attaccanti, “merce rara” in questo mercato di riparazione invernale.

La prima mossa è stata quella di Francesco Salvemini, attaccante classe 1996 che è passato in prestito dal Potenza al Monopoli. Per l’ex Akragas si tratta di un ritorno in Puglia e, soprattutto, alla ripresa del campionato si troverà di fronte al “Veneziani” proprio la sua ex squadra.

A questo punto serve un attaccante ai “leoni” potentini. Sembrava fatta per Francesco Cosimo Patierno, punta del 1991 attualmente impegnata in serie D col Bitonto e “vecchio” pallino del presidente Caiata. Ma la dirigenza pugliese ha “puntato” i piedi sulla sua eventuale partenza e l’affare dovrebbe essere saltato. A questo punto sembrano aprirsi due possibilità per il Potenza: la prima scelta pare essere Saveriano Infantino, esperto attaccante classe 1986 in forza al Catanzaro. In alternativa il “rilancio” di Miguel Sainz-Maza, con l’ex Foggia classe 1993 che non ha impressionato nella prima parte della stagione vissuta con la Sicula Leonzio.

Ma prima di cedere anche Catanzaro e Sicula Leonzio debbono garantirsi una adeguata sostituzione nell’organico a disposizione rispettivamente di Auteri e Torrente. Fallito l’obiettivo Matteo Di Piazza, con l’ex Cosenza classe 1988 che salvo stravolgimenti passerà al Catania, ora i calabresi vogliono puntare decisi su Davis Curiale, classe 1987 che potrebbe essere in uscita proprio dagli etnei. Tutta da valutare, però, la volontà del Catania di andare a rinforzare proprio una diretta concorrente nel raggruppamento. In casa Sicula, invece, si punta su tre obiettivi: il primo è Andrea Saraniti, con l’ex Lecce classe 1988 che appare in procinto di lasciare la Viterbese. L’altro è Stefano Padovan, col casertano del 1996 vera e propria “bestia nera” della formazione siciliana. L’ultimo in ordine di “apparizione” è Emilio Volpicelli, punta del 1992 in uscita dalla Pro Piacenza.

Ma Volpicelli potrebbe essere anche un obiettivo del Rieti dove sono in partenza il greco Thomas Vasiliou (classe 1994, potrebbe tornare in patria) ed il possente Nikolay Todorov (classe 1996), mentre per sostituire Saraniti la Viterbese ha messo nel “mirino” il falchetto Luis Maria Alfageme (1984).

E non è finita. Il Catanzaro ha messo in preventivo anche la possibilità di arrivare a Nicola Strambelli, attaccante esterno classe 1988 del Potenza che Auteri già ha avuto alle sue dipendenze ai tempi di Matera. Ingaggio che sarebbe perfezionabile in caso di partenza di Luca Giannone (1989) dall’organico giallorosso. 

Massimo Iannitti