Casertana, la sosta e il mercato per risalire la china

dicostanzo ok
Il Direttore Tecnico della Casertana Nello Di Costanzo

Decima posizione per i falchetti al termine di un girone di andata condizionato da infortuni e squalifiche. Da Cava deve partire la risalita

Ventitré punti in classifica, racimolati in diciotto giornate di campionato, e decimo posto in classifica, ultimo posto utile per centrare i play-off. È un girone di andata in linea con quanto espresso nella prima parte della stagione, quello che si è chiuso mercoledì al Pinto contro la Sicula Leonzio dove i falchetti hanno subito la beffa del pareggio in piena zona Cesarini. Un girone di andata in cui la formazione rossoblu ha dovuto fare i conti con infortuni, tantissimi, e squalifiche che hanno condizionato e non poco il rendimento della squadra, senza dimenticare il tempo impiegato da alcuni calciatori per trovare la giusta condizione fisica. Il cambio di allenatore, ha sicuramente fatto il resto: chi è subentrato è stato costretto a fare di necessità virtù, spesso facendo la conta dei convocabili e vedendosi costretti a convocare tanti giovani della Juniores per completare la panchina. Casertana che ha raccolto il grosso dei punti, tredici su ventitré in casa nelle nove gare giocate dove soprattutto nella parte finale del girone di andata è stata costretta a cedere il passo a Monopoli e Reggina. In mezzo una lunga sfilza di pareggi che hanno creato una distanza siderale con la vetta, complice un girone monstre della Juve Stabia che ha chiuso imbattuta la prima parte di stagione. Insomma, una Casertana che, forte di quanto accaduto anche nello scorso torneo, cercherà di colmare il gap con chi in questo momento si trova davanti, proprio nella seconda parte della stagione. In questo senso, il mercato, ma prima ancora la sosta, lunga visto che si tornerà in campo il 20 gennaio, potrebbe dare una mano alla formazione rossoblu. Il mercato dovrebbe garantire al duo Di Costanzo-Esposito quei correttivi che servono per completare il mosaico; la sosta darà sicuramente la possibilità al preparatore atletico di lavorare sulla condizione fisica dalle squadra e soprattutto su quei calciatori che necessitano di recuperare da infortuni muscolari. Insomma, una Casertana che nel girone di ritorno proverà ad andare all’assalto della migliore posizione nei play-off, per poi giocarsi il tutto nella post season. Naturalmente bisognerà partire con il piede giusto fin dalla trasferta di Cava dei Tirreni, semmai affidandosi alla cabala: nello scorso torneo il 30 dicembre i falchetti espugnarono il Massimino con una doppietta di Padovan e iniziarono la lunga risalita che li portò a chiudere la stagione da settima: un obiettivo migliorabile ampiamente e sicuramente alla portata di questa squadra.

Giovanni Fiorentino