Cavese ad un passo dal centenario

cavese.jpg
Una fase della gara di andata tra Casertana e Cavese disputata al “Pinto” (Foto Giuseppe Scialla)

La compagine di Modica in linea con gli obiettivi fissati ad inizio campionato

E’ una Cavese col petto gonfio d’orgoglio quella che si appresta ad affrontare nel pomeriggio di domenica la Casertana al “Simonetta Lamberti”. Ancora pochi giorni e la società metelliana taglierà il traguardo dei 100 anni dalla sua fondazione, evento magnificamente rappresentato dall’opera “Cavese 1919-2019, almanacco storico” pubblicato a metà del mese di dicembre dall’amico e collega Luca Senatore.

La formazione di mister Giacomo Modica è in perfetta linea con i propositi di inizio stagione (22 punti in classifica, uno in meno rispetto alla Casertana ma con una partita in più da disputare), e la permanenza in serie C al momento non appare in alcun modo in discussione. Il tutto con un organico allestito badando soprattutto al risparmio e pescando calciatori tra serie D ed Eccellenza.

Per la partita di domenica il tecnico siciliano recupera il portiere Vono (1, 1998) che ha scontato il turno di stop disciplinare rimediato a Catania ed a cui farà nuovamente spazio De Brasi (22, 1995). All’appello mancherà, invece, il difensore centrale Bruno (23, 1990), con l’ex falchetto appiedato per una giornata dal Giudice sportivo per cumulo di ammonizioni come del resto Silvestri (3, 1992).

Schieramento basato sul “4-3-3” che non subirà variazioni nella sostanza: difesa alta alla ricerca del fuorigioco. Squadra corta ma pronta a colpire con rapide azioni di contropiede.

I quattro della linea difensiva dovrebbero prevedere come centrali Manetta (5, 1991) e Licata (19, 1989). L’assenza di Bruno consentirà a Palomeque (2, 1994) di recuperare una maglia da titolare, mentre sulla fascia mancina ci sarà Inzoudine (27, 1996), elemento che pecca in qualche occasione nella fase difensiva. A centrocampo il terzetto composto da Migliorini (4, 1988) centrale supportato da Lia (29, 1997) e Favasuli (8, 1983).

Infine il reparto d’attacco: non è da escludere che, rispetto alla gara col Bisceglie, Modica possa di nuovo puntare su Sciamanna (9, 1990) rimasto inizialmente in panchina contro i pugliesi per far spazio ad Heatley (18, 1998). A destra il temibile mancino Rosafio (7, 1994), mentre qualche punto interrogativo in più sulla fascia sinistra. In “ballottaggio” Fella (11, 1993), Bettini (20, 1989) ma pure il più giovane Tumbarello (14, 1996).

Per la scheda completa della Cavese clicca qui.

Massimo Iannitti