Con la Reggina sarà ancora emergenza

rainone infortunio.jpg
Pochi minuti in campo per Rainone a Siracusa (Foto Giuseppe Scialla)

Sicuramente “out” Rainone, ma molto difficile recuperare Alfageme

Appena cinque elementi in panchina nel pomeriggio di ieri a Siracusa. Ma anche quella di domenica prossima al “Pinto” rischia di essere per la Casertana una gara da affrontare in piena emergenza ed attingendo a piene mani dalla formazione Berretti.

Oltre allo squalificato Blondett ed agli infortunati di “lungo corso” Pasqualoni e Russo, lo staff tecnico e sanitario dei falchetti presenta una infermeria particolarmente affollata. Tutte da valutare le possibilità di rivedere in campo sia Vacca che Floro Flores le cui assenze fino alla gara di Siracusa erano state date per certe.

Il centrocampista ex Parma è reduce da un problema alla caviglia rimediato a Viterbo e fino a qualche giorno fa lavorava a parte dal resto del gruppo. Per quanto riguarda, invece, l’attaccante, intravisto sugli spalti del “Pinto” in occasione dell’ultima gara interna col Monopoli, è apparso tutt’altro che ristabilito, ed anche per lui le speranze di vederlo già sul terreno di gioco domenica non sono tante.

Grosso punto interrogativo anche per De Marco (costretto al cambio anticipato col Monopoli) e per Castaldo, infortunatosi nella seduta di rifinitura pre-gara col Siracusa e forzatamente assente nella trasferta aretusea. Notizie certe sia sulla natura che sull’entità dell’infortunio dell’attaccante ex Avellino non sono arrivate e non è possibile esprimere una valutazione sulle possibilità che giochi contro la Reggina.

Praticamente nulle, infine, le possibilità di vedere in campo Rainone ed Alfageme. Entrambi si sottoporranno, probabilmente già in giornata, agli esami di rito per valutare l’entità dei problemi muscolari emersi già nel corso del primo tempo a Siracusa.

La notizia positiva, invece, arriva da Pinna: il mancino, rimasto in tribuna contro il Monopoli anche lui per infortunio, ha disputato quasi interamente la gara al “De Simone” ed è apparso ristabilito.

Massimo Iannitti