Casertana: debutto vincente di Esposito

esultanza.jpg
L’esultanza dei calciatori della Casertana dopo la rete di De Marco (Foto Giuseppe Scialla)

A Rende decide la rete di De Marco dopo appena quattro minuti di gioco

RENDE – CASERTANA 0-1

Rende (3-4-3): Savelloni; Germinio (Achik 78′), Minelli, Sabato; Viteritti, Franco, Awua, Blaze (Giannotti 65′); Godano, Rossini, Vivacqua. A disp. Borsellini, Palermo, Cipolla, Sanzone, Di Giorno, Laaribi, Calvanese, Crusco. All. Modesto

Casertana (4-3-3): Adamonis; Meola, Rainone, Blondett, Pinna; De Marco (Lorenzini 75′), D’Angelo, Santoro (Romano 73′); Alfageme, Castaldo, Zito. A disp. Zivkovic, Ciriello, Cigliano, Padovan, Mancino, Floro Flores. All. Esposito

Arbitro: Zingarelli di Siena

Rete: De Marco (C) 4′

Ammoniti: Vivacqua 21′ (R); Santoro 18′, Pinna 45′, Castaldo 93′ (C)

Espulsi: Godano (R) e Blondett (C) 56′ per reciproche scorrettezze

 

RENDE – Venti minuti di pressing, un gol ed almeno un paio di occasioni importanti per raddoppio. Non sono tanti, ma bastano alla Casertana per cogliere la seconda vittoria consecutiva dopo quella di sabato scorso con la Paganese. Onore e merito al Rende, incapace di impegnare neanche in una circostanza l’esordiente Adamonis, ma pericoloso in più di una occasione nell’area dei falchetti. Peccato solo per l’espulsione di Blondett (frettolosa, al pari di quella di Godano) che ha “macchiato” una prestazione fino a quel momento oltre la sufficienza. Ma quello che contava è dare continuità di risultati alla stagione della Casertana, ed in questo l’esordiente Esposito è riuscito nel suo intento.

Per quanto riguarda le formazioni annunciato l'”undici” del Rende del tecnico Modesto. L’unico dubbio viene risolto a favore di Godano con Laaribi che parte dalla panchina. Esposito costretto, invece, a modificare qualcosa nella Casertana rispetto alla gara con la Paganese. L’infortunio di Russo lascia spazio alla prima presenza in campionato di Adamonis, mentre torna disponibile Rainone con Mancino che scivola in panchina. E’ ancora un “4-3-3” con Zito avanzato sulla stessa linea di Alfageme e Castaldo.

Primo tempo – Partenza decisa della Casertana che già al 4′ passa in vantaggio. Grave indecisione di Awua in fase difensiva che appoggia al limite della sua area di rigore: sulla palla vagante si avventa Zito che serve Castaldo. La prima conclusione dell’attaccante rossoblù viene ribattuta dalla difesa biancorossa, ma sulla seconda di De Marco poco dentro l’area di rigore non c’è scampo per Savelloni. Per il centrocampista dei falchetti è il “bis” dopo la rete messa a segno sabato scorso con la Paganese. Ancora Casertana al 9′: sul traversone dalla destra di Meola ottimo il controllo di Castaldo, ma l’ex Avellino “mastica” il tiro consentendo la facile presa di Savelloni. Pericolosissimi e vicini al raddoppio i falchetti appena un minuto dopo. Cross di Zito sempre per Castaldo e splendida rovesciata di quest’ultimo che coglie in pieno la traversa. Rende che negli primi venti minuti stenta a capirci qualcosa e soffre il pressing in fase di impostazione attuato in prima battuta dagli attaccanti casertani, ed in seconda da De Marco e Santoro. La prima volta che il Rende si affaccia in area rossoblù è al 24′: scambio Vivacqua-Viteritti e traversone dalla destra dell’esterno biancorosso sul quale interviene senza troppi problemi Adamonis. Quattro minuti dopo buono il “break” di Santoro ed il servizio per Castaldo il cui tiro dal limite viene deviato sul fondo da Minelli. Appena la Casertana abbassa i ritmi c’è una occasionissima anche per la compagine di casa (31′). Franco mette dentro un pallone insidioso sul quale Vivacqua non arriva per la deviazione vincente. Il Rende insiste alla ricerca del pareggio ed al 35′ ancora Vivacqua prova la conclusione da buona posizione, ma la chiusura di Blondett è puntuale. Infine al 40′ iniziativa di Sabato sulla corsia mancina e palla in mezzo dove Godano riesce ad anticipare tutti senza cogliere, però, il bersaglio grosso. In pieno recupero (46′) altra grossa opportunità per i biancorossi calabresi, ma sul traversone dalla sinistra Viteritti, da ottima posizione, tocca debolmente e non crea difficoltà ad Adamonis. Prima frazione di gioco che, dopo due minuti di recupero, si chiude col meritato vantaggio della Casertana, anche se nell’ultimo quarto d’ora molto pericoloso il Rende capace di farsi vedere con insistenza nella metà campo dei falchetti.

Secondo tempo – Nessun cambio ad inizio ripresa nelle due formazioni e partita che pare mantenere da subito i ritmi accesi della prima frazione di gioco. Infatti dopo appena 45” di gioco la Casertana sfiora il raddoppio su contropiede. Zito, in posizione defilata, viene contrato da Savelloni in uscita bassa. Sul successivo traversone dello stesso Zito di esterno sinistro il pallone, però, attraversa tutta l’area piccola senza trovare la deviazione vincente. Appena un minuto dopo il Rende si fa pericoloso col “solito” Vivacqua che spizzica di testa un cross di Rossini. Anche in questo caso la sfera termina a fondo campo. Al 49′ tentativo poco fortunato di Castaldo e sul ribaltamento di fronte ci prova Awua, la cui conclusione supera di non molto la traversa della porta difesa da Adamonis. Dopo dieci minuti la partita si incattivisce dopo una azione fallosa da parte di Godano ai danni di Santoro. Blondett interviene in difesa del suo compagno di squadra e si accende una piccola (ma innocua) mischia. Il direttore di gara, su segnalazione del collaboratore di linea, propende per una frettolosa doppia espulsione ai danni di Godano e Blondett. Squadre, quindi, entrambe in inferiorità numerica. Il pacchetto difensivo della Casertana viene rivisto con Pinna che passa in posizione centrale e Zito che arretra sulla linea difensiva: il modulo proposto dai falchetti diventa un “4-3-2”. Modesto, da parte sua, replica con una sostituzione: dentro Giannotti per Blaze con l’obiettivo di dare un maggior peso offensivo al suo pacchetto di mediana. La doppia espulsione sembra pesare più sulla Casertana che sul Rende: la controprova è il “brivido” che al 68′ si verifica in area dei falchetti col traversone basso di Vivacqua sul quale non arrivano per un soffio prima Rossini e poi il neoentrato Giannotti. A questo punto anche Esposito opta per il primo cambio con Romano per Santoro. Due minuti dopo c’è spazio pure per Lorenzini con la Casertana che prova a dare maggiore sostanza alla difesa: Pinna torna sulla corsia esterna, mentre Zito passa a centrocampo per De Marco, con Alfageme, da parte sua, che si trova spesso a fare il terzino aggiunto. La contromossa di Modesto è l’esordio in campionato del giovanissimo attaccante Achik che prende il posto del difensore Germinio. All’81’ la Casertana prova a sfruttare un contropiede di Castaldo su lancio di Zito, ma lo scatto dell’attaccante non è dei migliori e consente al giovanissimo Minelli di recuperare ed allontanare la minaccia. Adamonis all’86’ è tempestivo (ed anche fortunato, dopo il rimpallo la sfera di resta tra le mani) in uscita su Vivacqua lanciato a rete. Nei cinque minuti di recupero concessi dal direttore di gara c’è spazio per un pericoloso calcio di punizione concesso per azione fallosa di Romano (93′): la conclusione di Achik aggira la barriera ma finisce sul fondo. Basta così: la Casertana torna a vincere in trasferta.

Massimo Iannitti