Monaco: “Casertana e Catania costruite per vincere”

monaco
Gennaro Monaco

Il grande doppio ex presenta la sfida di sabato al Pinto: “Viste le rose a disposizione di Fontana e Sottil sarà uno spettacolo bellissimo. Le sogno entrambe in B”

Lo dico con un pizzico di emozione: sono legato tantissimo ad entrambe le città e ai loro colori, che poi scherzo del destino sono quasi simili. A Caserta sono arrivato giovanissimo, in un gruppo straordinario, ed è ho ottenuto la mia prima grande vittoria calcistica, con la promozione in serie B. A Catania dopo una parentesi di una stagione, ci sono ritornato ed è successa la stessa cosa con la vittoria del campionato di serie C e l’approdo in serie B”. 

Gennaro Monaco è il grande doppio ex di Casertana – Catania che sabato al Pinto si ritroveranno una difronte all’altra, avendo indossato per tre stagioni la maglia rossoblù e ben cinque quella del Catania. Cuore diviso a metà dunque, ma Gennaro Monaco, non si sottrae nel “leggere” la gara del Comunale, vero big match della giornata. “Intanto viste le rose che hanno a disposizione Fontana e Sottil sicuramente sarà uno spettacolo bellissimo, anzi credo che sia difficile vedere tanti calciatori importanti affrontarsi in una gara di serie C. Sono due squadre costruite per vincere, due squadre complete, che come organici potrebbero fare un campionato di metà classifica anche in serie B, forse il Catania ha una rosa più ampia e più scelte per il tecnico, ma sono due squadre che faranno divertire le rispettive tifoserie. La Casertana sicuramente non è partita forte e ha accusato qualche difficoltà, che poteva essere messa anche in preventivo visti i tanti giocatori nuovi, e arrivati negli ultimi giorni del calciomercato. Il Catania invece dal canto suo deve recuperare alcune gare e quindi sarà costretta ad avere impegni ravvicinati e Sottil sarà costretto a dosare le energie di tutti gli uomini, anche se pare essere squadra già pronta e che lavora insieme da fine luglio”. Casertana – Catania è anche la sfida tra bomber, tra attaccanti che in questa categoria, e non solo, sembrano destinati a lasciare il segno. “Come dicevo prima – continua Monaco – vedere Castaldo – Floro Flores da un lato e Curiale – Marotta dall’altro, limitandoci solo agli attaccanti, mi fa pensare che questa non può essere una gara di serie C, anche se sarebbe riduttivo fermarsi solo a loro. Penso a Lodi, Marchese, Biagianti, Llama, Angiulli, Calapai, Pisseri, D’Angelo, Vacca, Zito, Russo, Pinna, insomma sabato in campo ci saranno giocatori importanti e lo spettacolo sarà assicurato. La spunterà chi sbaglierà di meno, perché quando hai in campo questi calciatori ogni errore può essere fatale. Sarà una gara che darà indicazioni ad entrambe, ma non è per nulla decisiva, il campionato è lungo e i punti a disposizione sono tantissimi”.

Difficile fare pronostici, Gennaro Monaco da perfetto uomo di calcio non li farebbe mai. “Sono certo che alla fine Casertana e Catania lotteranno per la vittoria del campionato, hanno una qualità troppo più alta rispetto alle altre. Il mio auspicio è che alla fine entrambe possano festeggiare la serie B, perché sono due piazze importanti e due piazze che meritano quella categoria. Il Catania la sta rincorrendo da anni (nella semifinale playoff dello scorso anno contro il Siena, Gennaro Monaco andò a sostenere il Catania nel tentativo di rimonta che poi fallì ndr), e soprattutto nella scorsa stagione ci ha messo del suo. La Casertana invece sta ritrovando la sua dimensione dopo anni di difficoltà e credo che stia gettando le basi per il grande salto. Di sicuro entrambe hanno tifoserie appassionate e passionali che ti danno quella spinta e l’entusiasmo per vincere”. Sarai allo stadio sabato? “Certamente sarò al Pinto, con il cuore diviso a metà, ma è un appuntamento a cui non posso mancare” .

Giovanni Fiorentino