Fontana: “non cerchiamo alibi, bisogna imparare dai nostri errori”

B72CEE41-FEDB-4F1B-A53D-A943DA9CE951

Mister Fontana visibilmente scuro in volto, non si nasconde e chiede tempo

 

È poi la volta del tecnico Gaetano Fontana, che certamente non può essere soddisfatto. Tuttavia l’ex Cosenza non si nasconde e dichiara: “io non cerco alibi, sul discorso della prestazione non sono d’accordo. Nel secondo tempo non abbiamo subito nulla nonostante l’inferiorità numerica e sono arrabbiato perché abbiamo buttato la partita”.

Sotto i riflettori, questa sera, finiscono le decisioni arbitrali, ma il mister dei falchetti scagiona il fischietto di Messina, addossando sulla propria squadra tutte le colpe di quanto accaduto: “dobbiamo essere bravi noi a non indurre l’arbitro in errore, ma perdere con due rigori mi fa arrabbiare. La prestazione a mio avviso ci sta, ma non bisogna essere ingenui come nelle occasioni che hanno spinto il direttore di gara a fischiare i penalty – continua – ma non capisco e non comprendo il nervosismo alla seconda giornata di campionato. Dobbiamo prendere con positività le aspettative che si hanno su questa squadra. Perdere una partita sul finire del primo tempo e del secondo tempo fa male. Ma non per colpa dell’arbitro, per colpa nostra! Dobbiamo essere in grado di creare noi le nostre vittorie”.

I meccanismi di squadra sembrano non essere ancora perfettamente oleati, ma il mister chiede tempo: “bisogna fare un passettino alla volta e prima di vedere una coralità della manovra, bisogna aspettare. Non è che quei calciatori che sono stati acquistati per fare il salto di qualità, possano farlo subito, bisogna aspettare”. L’infortunio di Pasqualoni sembra essere grave, e Fontana prova a dare coraggio al difensore che conosce sin dalla passata stagione a Cosenza: “Pasqualoni? È un ragazzo speciale: faremo di tutto per stargli vicino, bisogna fare indagini strumentali, ma l’infortunio sembra serio”.

Fontana conclude esprimendo la sua arrabbiatura per gli atteggiamenti visti in campo questa sera, ma afferma che da ogni errore si ha sempre qualcosa da imparare: “sono deluso da alcuni atteggiamenti, quello che abbiamo subito è per disattenzioni o distrazioni nostre, è su questo che voglio spostare l’attenzione dei ragazzi. Ho sempre imparato dagli errori e quando si commettono guardo con onestà intellettuale l’opportunità di crescere, e questo la squadra lo sa. Bisogna anche guardare oltre”.

Pasquino Corbelli