Fontana: “Rieti? Esordio negativo ma…”

fontana.jpg
Gaetano Fontana (Foto Giuseppe Scialla)

Le parole dell’allenatore rossoblù alla vigilia della seconda di campionato

A che punto siamo del mio progetto? Ancora poco. C’è bisogno di lavorare e qualche problema nel corso della preparazione l’abbiamo anche avuto. Ma sappiamo pure che il progetto tecnico è importante, ed anche qualche penseremo di aver raggiunto un certo livello bisognerà ancora migliorare“.

Ambizioni, voglia di far bene, ma pure problematiche da considerare. Gaetano Fontana, tecnico della Casertana, spiega in questo modo il suo “progetto” dopo appena una settimana dall’inizio del campionato.

Ed in tutto questo bisogna considerare anche l’aspetto emozionale, una componente fondamentale che va di pari passo all’aspetto tecnico e tattico – continua Fontana – L’inizio della gara con la Cavese, per esempio, è stato col freno a mano. Si è sbagliato tanto in fase di palleggio e di costruzione del gioco. Poi col passare dei minuti è andata sempre meglio. Ma in questo momento dobbiamo gestire pure questo elemento“.

In un campionato che, sotto certi aspetti, stenta a decollare. “E’ un torneo partito in ritardo, con tanti incontri che continuano ad essere rinviati. Non abbiamo la certezza che un giorno incontreremo alcune formazioni che oggi sono nel nostro girone. Senza dimenticare, poi, anche il fatto di giocare domani a porte chiuse senza pubblico. Sono dell’idea che in questa categoria si possono anche fare esperimenti, ma non certo sulla pelle delle società e dei tifosi“.

In un modo o nell’altro, però, il torneo continua. “Dobbiamo concentrarci solo sul nostro lavoro – evidenzia l’allenatore dei falchetti – Quelli che stanno giocando poco? Tutti sono smaniosi di scendere in campo, ma bisogna anche metterli nella condizione migliore per esprimere le loro potenzialità. Tanti ragazzi non sono ancora al massimo“.

E domani sera arriva il secondo impegno di campionato per la Casertana con la trasferta di Rieti. “Ho avuto modo di vedere le tre gare dei laziali tra campionato e Coppa. Il tutto per non lasciare nulla al caso e snellire il lavoro dei ragazzi. E’ una squadra che non ha avuto un impatto positivo, ma comunque è una compagine giovane e sotto certi aspetti scomoda – chiude Fontana – Scenderanno in campo probabilmente con meno tensioni rispetto a noi, ma quando ce li troveremo di fronte vorranno fare bella figura“. Un pericolo, sotto certi aspetti, che continuerà per tutto il campionato della Casertana.

Massimo Iannitti